Tragedia Lampedusa: il Papa dona schede telefoniche ai migranti

papa francesco“In questi giorni, oltre ad avere pregato e fatto sentire alta la sua voce sulla tragedia, il Santo Padre ha voluto accompagnare la preghiera e le parole con gesti concreti di vicinanza rivolti, inviando come e’ noto il suo elemosiniere, monsignore Konrad Krajewski, per portare a ciascun sopravvissuto un aiuto per le esigenze piu’ immediate”.
Lo dice l’arcivescovo di Agrigento Francesco Montenegro, spiegando che “per consentire ai migranti di mettersi in contatto con i propri familiari, il Papa ha acquistato delle schede telefoniche internazionali da distribuire ai migranti presenti nel centro di Lampedusa”. “Monsignor Konrad Krajewski – prosegue l’arcivescovo – ha seguito le operazioni di recupero dal gommone dei sommozzatori, a nome del Papa, ha benedetto le salme recuperate nei giorni precedenti ed allineate nell’hangar dell’aeroporto locale e si e’ recato a visitare i superstiti intrattenendosi con loro e li ha assicurati della vicinanza di Papa Francesco”. E’ stato accanto anche ai soccorritori sostenendoli e confortandoli donando loro una coroncina del rosario o una immagine del Santo Padre. Come segno della volonta’ del Santo Padre di dare seguito alle promesse fatte l’8 luglio scorso di una sua costante attenzione e vicinanza, racconta ancora monsignor Montenegro, in particolare verso i minori presenti nel centro di prima accoglienza e identificazione, “ha chiesto che venga approntato uno spazio ludico, fuori dal campo, dove i minori possano trascorrere alcune ore al giorno in un clima di serenita’ e di pace”. Dalla collaborazione fra Caritas, Save the Children, parrocchia San Gerlando e’ stato deciso di allestire cosi’ una tenda-ludoteca sul terreno della Casa della fraternita’ della parrocchia, luogo gia’ messo a disposizione per l’accoglienza dei minori stranieri in occasione dell’emergenza del 2011.