Sonia Alfano a Strasburgo: ” Non è stata abbandonata l’Italia, ma Lampedusa”

sonia-alfano-“Bisogna fare un percorso serio: revisione della Convenzione di Dublino e abolizione della Bossi-Fini. Se non si fa questo saremo tutti responsabili”.E’ quanto affermato da Sonia Alfano durante il dibattito del Parlamento Europeo sui flussi migratori nel Mediterraneo.

“Mi sembra – ha detto l’europarlamentare – di tornare al 2009, quando in quest’aula denunciavo quanto stava accadendo nel Mediterraneo. Parlavo di un barcone con a bordo 75 migranti che era affondato. Ricordo 75 morti e silenzio, solo silenzio da parte delle Istituzioni italiane ed Europee. Responsabili di quanto è accaduto e sta accadendo sono gli Stati Membri, l’Unione Europea e l’Italia. Non è stata abbandonata l’Italia – sottolinea ancora Alfano – ma Lampedusa: dai lampedusani dovremmo imparare. Ho sentito le dichiarazioni del Presidente del Consiglio italiano Letta – ha aggiunto – : funerali di Stato per i morti e incriminazione per i sopravvissuti. E’ assurdo. Oggi, sul fondo del mare, sono stati recuperati i corpi di una mamma e del suo bambino, partorito a bordo del barcone e ancora legato a lei dal cordone ombelicale. Aberrante”.

L’onorevole Alfano ha parlato anche di FRONTEX (Agenzia europea per la gestione della cooperazione internazionale alle frontiere esterne degli Stati membri dell’Unione europea): “I fondi sono stati tagliati e domani nascerà un’altra struttura come Eurosur.. ma con quali soldi?” Questa la conclusione del suo intervento all’assemblea di Strasburgo.