Serie B, venerdì sera Reggina-Pescara: abruzzesi già in ritiro punitivo, confermato Marino

pasquale marino

Se la Reggina è in crisi con 4 sconfitte nelle ultime 5 partite e 2 sole vittorie nelle prime 10 gare di campionato, il Pescara è ancora più in difficoltà con un punto in meno in classifica rispetto agli amaranto e una sola vittoria stagionale nonostante le grandi aspettative su una compagine che si era presentata al campionato come una corazzata impressionante, paragonabile anche al Palermo. In porta oltre al giovane Pigliacelli ci sono due grandi ex Reggina, Ivan Pelizzoli ed Emanuele Belardi. In difesa elementi come Capuano, Zauri, Bocchetti, Balzano e Schiavi, tutti di categoria superiore. Il centrocampo può vantare la presenza di Ragusa, Politano, Viviani, BrugmanRizzo e Nielsen, poi c’è l’attacco che è il punto forte con Cutolo, Mascara, Sforzini, Maniero, Piscitella e Vukuši?. Era partito alla grande il Pescara con 5 punti nelle prime 3 partite (in cui aveva siglato ben 7 reti), poi 4 sconfitte e 3 pareggi e adesso la super-corazzata si trova in piena zona retrocessione. Dopo l’ennesima sconfitta, ieri pomeriggio in casa per opera del Latina di Breda (ancora imbattuto da quando ha rilevato Auteri sulla panchina della squadra pontina, 5 pareggi e 2 vittorie con un solo gol subito in 7 gare), il Pescara è in ritiro punitivo da ieri sera a San Giovanni Teatino (Chieti), con gli allenamenti che si svolgeranno a Francavilla al Mare, sempre in provincia di Chieti. I tesserati della societa’ biancazzurra non rilasceranno dichiarazioni a differenza del tecnico, Pasquale Marino, che parlera’ solo giovedì mattina, prima della partenza per Reggio Calabria.
L’anticipo di venerdì sera al Granillo, probabilmente, sarà per lui l’ultima spiaggia.
maicon da silvaEcco perchè per la Reggina sarà una partita ancor più difficile. Atzori dovrà fare i conti con infortuni e squalifiche, che anche stavolta renderanno lungo l’elenco degli indisponibili. Verrà infatti squalificato Fischnaller e bisognerà valutare le condizioni di Maicon e Foglio: qualora i due esterni non riuscissero a recuperare ed a tornare disponibili, il mister sarà davvero nei guai perché sulla destra oltre al giovane brasiliano c’è il vuoto e a sinistra anche Contessa è ancora infortunato. Insomma, bisognerà inventare la squadra: nonostante il rientro di Di Michele, Cocco e finalmente Sbaffo (che molto probabilmente sarà subito titolare), c’è poco da sorridere. Queste difficoltà di percorso dovute a infortuni e squalifiche assolutamente normali in un campionato lungo e difficile come quello della serie B, stanno mettendo a nudo tutti i limiti dell’organico amaranto intorno al quale s’era creato a inizio stagione un entusiasmo eccessivo e assolutamente ingiustificato.