Reggio, Riformisti italiani: resoconto attivo provinciale

imagesNota Stampa dei “Riformisti Italiani” relativo all’attivo provinciale del 17.10.2013:

Si è svolto presso la federazione provinciale de I Riformisti Italiani-Socialisti uniti un partecipato attivo provinciale presieduto dal coordinatore provinciale Pierpaolo Zavettieri che dopo aver sottolineato l’importante risultato relativo alla raccolta firme per i referendum sulla giustizia ha sviluppato un’ampia riflessione sulla politica nazionale e locale.
Presenti il coordinatore regionale Gianpaolo Catanzariti, la portavoce Angela Romeo, l’on. Saverio Zavettieri e molti amministratori locali e dirigenti di partito di tutta la provincia, l’assemblea ha sviluppato una seria e proficua discussione sulle problematiche in oggetto. È stato messo in evidenza come le alterne vicende politiche nazionali dell’ultimo periodo hanno prodotto un sempre più confuso, contraddittorio e frammentato quadro generale che dovrebbe destare preoccupazione ma che in realtà viene vissuto esclusivamente nell’ottica dell’emergenza. Del resto alla stabilità, per il momento raggiunta dal governo, si contrappone un’instabilità senza pari dei partiti che lo sostengono, dal PD al PDL a Scelta Civica, che non potrà produrre concreti mutamenti. Anzi indebolisce l’azione del governo che non è in grado di mettere in atto un’azione da shock né sull’economia né su quelle riforme istituzionali che erano a fondamento di questo governo e che avrebbero dovuto caratterizzarlo. Il fatto è che non c’è politica, non c’è visione, si temono i veri cambiamenti e tutto diventa emergenza e piccolo cabotaggio persino nel M5S.
I “Riformisti Italiani”, che hanno una loro autonomia, non possono non sottolineare quanto invece sia necessario rinnovare profondamente l’architettura delle Istituzioni e sono pertanto impegnati a sostenere la proposta di legge costituzionale di iniziativa popolare del prof. Guzzetta che va nella direzione del presidenzialismo, della riduzione del numero dei parlamentari, del superamento del bicameralismo perfetto e a tal uopo organizzeranno nel mese di novembre momenti di coinvolgimento della cittadinanza sulla riforma.
La discussione evidenzia con forza come il vuoto politico nazionale si riflette, anche per altre motivazioni, a livello locale dove si vive l’amara realtà degli scioglimenti dei Consigli comunali . Per la città, da ormai un anno priva di rappresentanza elettiva , ma che, si spera presto, riavrà il suo governo comunale, si rende necessario un manifesto progettuale innovativo e realizzabile ad es. in ambito turistico e ambientale, che abbia visione precisa della città che sarà metropolitana ed offra una speranza ed un’alternativa alla rabbia, allo scoramento ed all’indifferenza. Tutti gli interventi ascoltati hanno focalizzato quanto il vuoto politico-istituzionale sia più sentito e possa ancora aumentare se la Provincia, l’unica Istituzione territoriale titolata ad indirizzare, si chiude alla politica di prospettiva e si attarda.
Senza dubbio l’ente intermedio ha vissuto fasi di incertezza sulla propria esistenza, ma tale momento è ormai superato ed una nuova energia è richiesta. Vi è una grande opportunità politica da cogliere. Spetta alla Provincia la possibilità l’onere di assumere un ruolo guida, di indirizzare con i fatti, le azioni, le proposte, la configurazione, la preparazione dell’unità territoriale della Città Metropolitana. Ciò considerando che la Città Metropolitana avrà competenza in termini di sistema dei trasporti, di pianificazione del territorio e dell’ambiente con poteri sovra ordinati.
In tale prospettiva, a due anni e mezzo dall’insediamento del Consiglio Provinciale e del Presidente Raffa, unanimemente i Riformisti e Socialisti Uniti ritengono sia diventato necessario e ragionevole verificare a 360° il percorso fatto, non rischiando di cadere nella gestione “giorno per giorno”, e riprogrammare il resto della legislatura, considerando altresì che le condizioni iniziali si sono modificate anche in fatto di rappresentatività in giunta dove, ed è un esempio, i Socialisti uniti non sono più rappresentati e la stessa Giunta si configura ormai come una giunta mono-colore.
Convinti come siamo che il Presidente Raffa, soprattutto dopo le recenti dichiarazioni sul rapporto Svimez che conferma la Calabria all’ultimo posto del Paese, rispetto al quale Egli afferma che la nostra regione necessiti di una vera e propria rivoluzione culturale, non possa che indirizzarsi nella direzione da noi invocata. Del resto, come si potrebbe solamente pensare una rivoluzione mantenendo inalterato lo stato delle cose.
Invitiamo pertanto il Presidente Raffa, in vista delle nuove ed importanti responsabilità a procedere alla revisione degli assetti di giunta e delle relative deleghe, attraverso l’utilizzo delle energie migliori, delle più qualificate e rappresentative presenti in Consiglio, ritenendo politicamente incredibile, oltre che non utile, un’eventuale decisione di confermare l’esecutivo sic et simpliciter.

La portavoce provinciale
Prof.ssa Angela Romeo