Reggio: pensare a COMpensare, il 6 ottobre giornata ecologica a Ecolandia

borghi solidaliUna giornata ecologica all’insegna della mobilità sostenibile finalizzata a sensibilizzare cittadini, istituzioni e associazioni all’utilizzo di mezzi di trasporto alternativi e in linea con le direttive del Ministero dell’Ambiente. Agenzia dei Borghi Solidali, Parco Ecolandia, Polo Net e Associazione A.MO.DO. organizzano per domenica 6 ottobre dalle 9.30 in poi un eco corteo in bici e in auto rigorosamente elettriche, con partenza dal Piazzale Colombo (Stazione lido di Reggio Calabria) e arrivo intorno alle 11.00 al Parco Ludico Tecnologico di Ecolandia, ex Forte Gullì  di Arghillà. Tante le iniziative in seno all’evento dal titolo Pensare e COMpensare, ovvero quali misure e stili di vita adottare per ridurre la nostra impronta ecologica sul Pianeta.
L’eco carovana seguirà il percorso della Nazionale di Pentimele, la via marina di Gallico per poi raggiungere la via Nazionale di Catona ed infine, l’Antonio Scopelliti fino al Parco Ecolandia dove il Polo Net presenterà la stazione foto eolica di ricarica per auto e bici elettriche, prima unità sperimentale dimostrativa installata sul territorio della provincia di Reggio Calabria. Per l’occasione il Parco si trasformerà in un ricco mercatino equo solidale a cura del GAStretto con produttori agricoli e artigiani.

Focus della giornata l’in-seminario tematico “Mobilità e sostenibilità” con esponenti del mondo istituzionale, accademico, dell’associazionismo e del trasporto pubblico. Alle 14.00 a carico dei partecipanti l’ecopicnic nel Parco. Nel pomeriggio, dalle 15.00 in poi avverrà la piantumazione degli alberi, momento che porrà l’accento sull’importanza di azioni concrete e volontarie, che portino alla compensazione delle emissioni inquinanti, così come stabilito nella Conferenza di Rio de Janeiro del 1992. Privati cittadini, associazioni e istituzioni potranno adottare così un albero e piantarlo insieme.
«E’ un’iniziativa – spiega Piero Polimeni, direttore di Borghi Solidali durante la conferenza stampa a Palazzo Foti – che abbiamo sperimentato già lo scorso anno e in questo si arricchisce coinvolgendo tantissime associazioni sensibili ai temi dell’ambiente e della legalità». Una giornata non solo simbolica, secondo Polimeni, che mira a creare un’inversione di tendenza e che invita a riflettere su quale è la strada da intraprendere per modificare comportamenti nocivi e ridurre l’emissione di CO2 nell’ambiente.

«Riflettere sul nostro futuro – aggiunge – è importante per la costruzione della nostra città metropolitana. Invitiamo, dunque, tutti a portare la propria bici o ad usufruire dei mezzi che metteremo a disposizione per far si che questa battaglia la si combatta assieme».

Parla di equo sostenibilità ambientale, Domenico Gattuso dell’Associazione A.MO.DO. sottolineando la necessità «di colmare gli squilibri creati dalla società odierna che, investe sul motorizzato piuttosto che sul trasporto pubblico che permetterebbe, invece, efficienza dell’economia e maggiore accessibilità ai servizi».

Sul fronte trasporto pubblico, il direttore generale Atam Vincenzo Filardo. «Abbiamo immediatamente sposato la causa di questa giornata ecologica mettendo a disposizione uno dei nostri mezzi pubblici per aprire la carovana. Durante il seminario racconteremo poi quello che l’azienda fa, ormai da anni, in termini di risparmio energetico e salvaguardia dell’ambiente. Parleremo – chiosa Filardo – del nostro piano della sostenibilità, del bilancio dell’impatto sul territorio, della Carta dei Servizi ma, anche della pianificazione urbana e urbanistica e delle piattaforme tecnologiche attivate per la mobilità».

«Iniziative come questa – conclude il consigliere provinciale Pierpaolo Zavettieri in rappresentanza del presidente Raffa – contribuiscono alla crescita della città e al rilancio di zone, come quella di Arghillà, potenzialmente molto ricche».