Reggio: “mafiaNO” fa visita agli immigrati sbarcati sulle coste reggine

Pellaro 1MafiaNO assieme alle Associazioni LIDU, ProMuovi, E20 e Mammalucco hanno visitato, assieme al Presidente del Consiglio Provinciale di Reggio Calabria, il centro di prima accoglienza, istituito presso una delle palestre di Pellaro, dove si trovano i migranti sbarcati sulle coste reggine nelle ultime 48 ore. Si tratta di cittadini siriani, per la maggior parte bambini, ai quali non sta mancando la solidarietà dei calabresi. “Il grande cuore di Reggio batte forte – dice Antonio Eroi – ed accoglie i fratelli del mediterraneo che scappano da guerre e tirannie. Sono commosso per la partecipazione “familiare” dei miei concittadini e di tutti i calabresi. Non mancano cibo, indumenti, farmaci. Ora, l’importante sarà trovare una collocazione dignitosa per tutti.” “E’ più rapido il mare a consegnare nuovi sfortunati, che l’Europa a capire quanto aiuto serva all’Italia che li sta accogliendo – dice Nino Spirlì ideatore del progetto etico mafiaNO – la Sicilia e la Calabria, come in passato la Puglia, sono le terre che maggiormente accolgono i migranti. Le istituzioni locali fanno del loro meglio e anche di più. Il resto lo sta facendo il grande cuore della Calabria.” Le associazioni che aderiscono a mafiaNO stanno provvedendo a consegnare giochi, album e matite colorate ai bambini, per aiutarli a riempire le tante ore libere della giornata.