Reggio, l’azienda ospedaliera precisa su cardiochirurgia: “nessuna compromissione per il diritto alla salute dei cittadini”

Bianchi Melacrino Morelli”La decisione dell’Azienda Bianchi Melacrino Morelli di coinvolgere un soggetto privato qualificato, in conformita’ alla normativa vigente, nella gestione dell’unita’ operativa di Cardiochirurgia e’ dovuta all’impossibilita’ ad assumere, in tempi brevi, personale sanitario (medici specialisti, tecnici ed infermieri), a causa del blocco del turn over per il Piano di rientro e per il Commissariamento regionale della Sanita’”. E’ quanto si afferma in un comunicato dell’Azienda ospedaliera di Reggio. ”E’ necessario precisare, inoltre – sostiene il direttore generale Carmelo Bellinviache tale scelta non compromettera’ in alcun modo il diritto alla salute dei cittadini che continuera’ ad essere garantito gratuitamente anche per le prestazioni cardiochirurgiche, cosi’ come per tutte le altre prestazioni sanitarie erogate dall’Azienda ospedaliera e qualifichera’ tutto il sistema sanitario regionale. Il soggetto privato che si vorra’ fare carico della gestione di tale attivita’ non solo sara’ obbligato a garantire tutte le prestazioni richieste ma l’Azienda ospedaliera avra’ il controllo delle attivita’ che saranno effettuate nel reparto cardiochirurgico”.