Reggio Domani: si è tenuta l’assemblea generale alla presenza della presidente Ombretta Florio

reggio domani 3Incrementare le attività di un sodalizio nato per attenzionare il territorio e valorizzare il capitale umano che lo caratterizza. Con questo preciso scopo l’associazione culturale “Reggio Domani” si è riunita in assemblea generale all’auditorium ‘Lucianum’, sotto la guida della presidente Ombretta Florio.

Un momento di confronto nato all’insegna dei valori e dello spirito che scandiscono l’impegno associazionistico e nel corso del quale i soci ed i presenti hanno intessuto un dialogo che potesse portare ad un ampliamento del raggio d’azione di Reggio Domani, realtà che, dal momento della sua costituzione e nel corso del tempo ha promosso diverse iniziative.

A ripercorrerle la stessa Florio: “L’istituzione di un riconoscimento a quei cittadini che si sono distinti con abnegazione in diversi settori, l’adesione al Forum delle associazioni promosso dal Governatore Scopelliti, il focus su situazioni di disagio presenti sul territorio (tra gli ultimi la segnalazione di degrado alla via d’accesso alla Sorgente, ripulita alla luce anche delle nostre sollecitazioni), e la raccolta fondi tra i soci per acquistare tre sedie a rotelle che presto saranno devolute all’Azienda Ospedaliera. Ma non basta. L’attivismo – ha poi proseguito la presidente – deve essere indirizzato a realizzare delle iniziative concrete per guardare al futuro, che ormai è già presente, in un’ottica diversa anche in considerazione della fase storica che la città sta attraversando con la guida commissariale. Dobbiamo tutti rimboccarci le maniche e chiedere una collaborazione attiva. In definitiva vogliamo porci come interlocutori sulle dinamiche reggine”.

Un fil rouge sul quale si sono snodati tutti gli altri interventi dei cittadini presenti che hanno animato la serata. Un coro unanime quello che si è levato all’interno dell’auditorium: risvegliare le coscienze, concentrarsi su attività che interessino profondamente i reggini, comprendere che la città è costruita da chi la vive giorno per giorno e non da chi, amministrativamente parlando, la guida. Insomma l’associazione richiede a gran voce dinamismo e partecipazione che, da parte di chiunque fosse interessato, possano essere messi a disposizione del territorio.

Proprio per andare incontro a queste rinnovate esigenze, sono state individuate delle aree tematiche sulle quali incidere: ambiente, diritti – cultura e legalità, mondo giovani, pari opportunità, territorio e opere pubbliche, formazione – sport ed eventi, economia e lavoro, sociale e sanità, comunicazione e social network. Argomentazioni di interesse generale per sviluppare le quali “Reggio Domani” ha rinforzato il direttivo chiamando in causa numerosi professionisti che hanno ritenuto opportuno mettersi a servizio della città e, quindi, a disposizione dell’associazione: per ricoprire il ruolo di vice presidente è stata scelta Eliana Rugolo, di segretario Giuseppe Azzarà, mentre ad occuparsi delle varie sezioni si è pensato a Nicoletta Iellamo, Monica Santonoceto, Bruno Restuccia, Enrico Caccamo, Fabio Lorenzini, Antonella Naim, Antonino Caridi, Dominella Quagliata e Gianluca Gangemi.

A sottolineare l’importanza dell’associazionismo nel tessuto sociale di un territorio, a maggior ragione di quello reggino, il consigliere regionale Tilde Minasi, la quale, ringraziando per l’attenzione nei confronti di Reggio, ha voluto manifestare il proprio apprezzamento per iniziative quali quelle messe in risalto dal sodalizio, sottolineando un particolare aspetto.

Spesso – ha infatti evidenziato - l’errore che si compie è pensare che un territorio sia esclusivamente interesse di chi lo governa. Questo assunto lo reputo errato, perché chi amministra deve avere, e il senso del dovere glielo impone, l’obbligo di dettare dei binari guida che guardino ad un benessere comune, ma, nel quotidiano, sono le scelte di noi tutti, come cittadini, a dettare i ritmi di un buon andamento generale. Dobbiamo essere tutti, ognuno con le proprie possibilità e competenze – ha concluso la Minasisentinelle sul territorio e portavoce delle esigenze che si captano, in particolare in questo frangente in cui la nostra città ed i reggini hanno necessità di ritrovare degli interlocutori, ruolo che voi, appunto, ambite a ricoprire”.

Tra gli intervenuti anche l’ex presidente della I Circoscrizione (Centro Storico) Giuseppe Altobruno il quale ha voluto ribadire la sua totale apertura a lavorare, anche  e soprattutto tramite le iniziative dell’associazione, per il territorio.