Reggio Calabria, giovedì 10 ottobre l’iniziativa “La Costituzione non è cosa vostra”

anpiSi terrà giovedì 10 ottobre, alle ore 18.00 presso la sala A.N.P.I. – ATHENA Teatro di via XXIV Maggio 6/a Reggio Calabria la pubblica assemblea organizzata dall’Associazione Nazionale Partigiani d’Italia per discutere sulla Costituzione Italiana.

Oggi più che mai – si legge nel comunicato – sembrano essere a confronto due orientamenti diversi, due scuole di pensiero per quel che riguarda l’impellente necessità di cambiare questa Italia, attraverso processi di trasformazione che ridiano prospettive e speranze a molti cittadini, ma soprattutto a milioni di giovani, soprattutto del meridione.

Da un lato c’è chi pensa che, oltre all’ individuazione delle terapie e delle misure per affrontare la crisi economico-politica, sia necessario porre mano a cambiamenti della nostra Carta Costituzionale, per renderla più “moderna ed adeguata” al nuovo millennio, dall’altro c’è chi pensa che i valori ed il testo della nostra Costituzione debbano fare da guida per un profondo cambiamento della realtà sociale ed economica del nostro paese e che piuttosto debbano essere avviate tutte le iniziative per tradurre nel concreto ed applicare gran parte degli articoli fondamentali della nostra Costituzione.

E questa è la strada che intendiamo percorrere anche a Reggio Calabria, dove peraltro il dibattito è quasi del tutto assente, collegandoci e facendo rete con tutti i soggetti (associazioni, movimenti e formazioni politiche) che su questo tema, della realizzazione della Costituzione, hanno prodotto e stanno producendo iniziative, discussioni ed elaborazioni, sin dal 2 giugno 2013 a Bologna (” La Costituzione non è cosa vostra”), per contrastare l’altra linea di tendenza che punta alle modifiche della nostra Carta Costituzionale!”.

L’incontro avverrà in contemporanea con l’iniziativa nazionale che vedrà il suo momento conclusivo nella manifestazione “La Via Maestra” che si terrà a Roma il 12 ottobre. All’elenco dei promotori del dibattito di giovedì si sono aggiunti anche : Associazione Jneca, FIOM Reggio Calabria, LIBERA Calabria e SEL Circolo Musolino.