Reggio, arrestati due uomini per furto di energia elettrica (FOTO)

images 2Nella giornata di ieri, 11 ottobre, i Carabinieri della Compagnia di Reggio Calabria sono stati impegnati in un servizio di controllo straordinario del territorio cittadino nell’ambito di un piano di intensificazione dei controlli disposto dal Comando Provinciale di Reggio Calabria. Nel corso dell’operazione che ha visto sul campo l’impiego dei militari del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia reggina e della Stazione di Reggio Calabria – Gallico, con il supporto dei militari della Compagnia di Intervento Operativo del 12° Battaglione Sicilia, sono stati effettuati controlli di persone di interesse operativo con decine di perquisizioni personali, veicolari e domiciliari. Il servizio di controllo è stato finalizzato alla prevenzione e repressione dei reati contro il patrimonio ed in particolare al fenomeno dei furti di energia elettrica, largamente diffuso in città.
Nel corso del servizio i Carabinieri dell’Aliquota Radiomobile sono intervenuti all’interno della Villa Comunale ove, a seguito di richieste da parte di cittadini che lamentavano di essere molestati da alcuni stranieri che si trovavano in quel momento all’interno del parco pubblico, hanno effettuato un accurato rastrellamento per identificare tutti i soggetti presenti al fine di interrompere eventuali attività delittuose. Nell’esaminare la cabina elettrica pubblica che si presentava con lo sportello di chiusura manomesso ed aperto, i militari hanno scoperto che era stato realizzato un allaccio abusivo alla rete elettrica pubblica attraverso dei fili elettrici di rame collegati ad una presa elettrica che serviva per ricaricare dei cellulari. Gli immediati accertamenti effettuati hanno permesso di individuare gli autori dell’ingegnoso ma illecito dispositivo, che sono stati arrestati con l’accusa di furto aggravato:
- COJOCARU FLORIN, rumeno, ventinovenne, senza fissa dimora, con precedenti per furto aggravato e porto abusivoimages di armi;
- PURICE MITICA, rumeno, trentottenne, anch’egli senza fissa dimora, con precedenti per resistenza e lesioni a pubblico ufficiale;
Nell’ambito dello stesso servizio i Carabinieri della Stazione di RC-Gallico, con l’ausilio di personale specializzato dell’ENEL, hanno effettuato numerose ispezioni ad esercizi pubblici al fine di verificare il corretto funzionamento dei contatori dell’energia elettrica ed eventuali manomissioni. Nel corso dei controlli effettuati i Carabinieri hanno arrestato in flagranza di reato GUMBO GIUSEPPE FABIO, trentatreenne di Reggio Calabria, con pregiudizi penali, in quanto presso le attività commerciali “Bar Golden Café” e la pizzeria “Mordi e Fuggi”, di cui il Gumbo è il titolare, aveva posizionato dei magneti in prossimità dei contatori, alterando così la misurazione dei consumi di energia elettrica. Grazie all’utilizzo di sofisticate apparecchiature è stata calcolata la differenza rispetto al consumo effettivo pari al 97%. I magneti sono stati rimossi e sottoposti a sequestro rappresentando corpo di reato.