Reggina, Gerardi: “siamo un gruppo davvero unito, sabato sera vittoria pesantissima”

gerardiLa sua firma sulle quattro vittorie della Reggina in questa stagione. Gol-partita con Carpi e Crotone in Coppa Italia, doppietta nella rimonta sulla Juve Stabia, rete del vantaggio con l’Empoli dopo il clamoroso abbaglio della terna arbitrale sulla sua spaccata che aveva già rotto l’equilibrio dell’incontro con i toscani nel primo tempo. Federico Gerardi porta fortuna? Risponde con un sorriso il centravanti amaranto. “E’ una piacevole coincidenza. Certo, quando i gol risultano decisivi assumono valore e peso specifico differenti“.

La partita con l’Empoli, ostacolo descritto da molti come insormontabile superato agilmente dai ragazzi di Gianluca Atzori. “Una liberazione. Non andavano in rete da tre partite, ma eravamo consapevoli di aver fatto bene, di aver prodotto molto e che fosse il risultato, invece, a penalizzarci oltremodo. Questa squadra gioca, crea, doveva finalizzare. Sapevamo fosse una partita dove avevamo il dovere di mettere in campo tutto ciò che avevamo e trovo sia stata significativa l’esultanza dell’intera squadra in entrambi i nostri gol: siamo un gruppo davvero unito, coeso per il bene della Reggina“.

Un gol, il suo, frutto di uno strapotere atletico misto alla volontà di interrompere un momento negativo per la Reggina. A dire la verità, però, Gerardi il guizzo vincente lo aveva trovato già nel primo tempo. “Credo abbiate visto tutti la mia incredulità quando ho capito che il gol non era stato convalidato. Fortunatamente, il gol buono è arrivato in avvio di ripresa e mi ha aiutato a digerire subito l’amarezza per quell’episodio sfortunato. Siamo stati bravi a reagire anche a questa ulteriore difficoltà che poteva tagliarci le gambe. Tuttavia, senza il gol del 2-1 sarebbe stato tutto inutile ed ancora oggi vivremmo nel rammarico per quella rete-fantasma. Merito di Valerio (Foglio, ndr) che già nel primo tempo mi aveva offerto un assist strepitoso e con quel sinistro violento a fine partita ha scaricato tutta la nostra rabbia per questo avvio di stagione complicato“.

Un inizio difficile che la Reggina spera di aver dimenticato con il successo di sabato. “E’ una vittoria pesantissima, per il morale della squadra prima ancora che per la classifica. Aver sconfitto, con pieno merito, una formazione come l’Empoli che tutti descrivono legittimamente come favorita alla promozione diretta vuol dire che anche questa Reggina ha dei valori importanti e può mettere in difficoltà qualsiasi avversario. Ciò che resta della partita di sabato è la grande abnegazione di tutti, abbiamo giocato e vinto da squadra e questo è l’aspetto più importante per un gruppo che vuole raccogliere soddisfazioni nel lungo periodo e non fermarsi alla gioia effimera di una grande serata“. [Fonte: Regginacalcio.com]