Reggina-Empoli 2-1, le voci dagli spogliatoi

fogliosciarpaLa Reggina batte l’Empoli con il risultato di 2-1. Dopo tre sconfitte consecutive, la squadra amaranto torna a sorridere. Nel post partita questi gli addetti ai lavori intervenuti in sala stampa.

Il primo ad intervenire è Valerio Foglio: “Sono felice per il gol. E’ stata una bella gioia. Sapevamo che era difficile, l’abbiamo preparata benissimo e da lunedì penseremo al Modena. Ci godiamo questa vittoria  Anche contro il Carpi e Novara abbiamo concesso poco. Dobbiamo continuare cosi ad avere degli obiettivi. Arrivo da una stagione particolare, il mister mi ha dato fiducia e spero di tornare quello di Albinoleffe, sto lavorando molto.”

Interrogato sul momento di Cocco, Foglio risponde: “E’ periodo negativo a causa della mancanza del gol, Andrea è in gamba e tornerà a segnare”

Per l’Empoli arriva in sala stampa il tecnico Sarri: “Partita difficile soprattutto in fase di costruzione. La Reggina ci ha chiuso tutti gli spazi. Sapevamo che la Reggina avrebbe giocato con tante motivazioni, ci dispiace averla persa cosi. Abbiamo avuto diverse occasioni per passare in vantaggio, dalla panchina ho avuto la sensazione di poterla vincerla. E’ giusto che la squadra in campo abbia sempre l’atteggiamento offensivo, ecco perché i miei cambi. Poca responsabilità dei nostri attaccanti che nel primo tempo hanno ricevuto pochi palloni.
Tavano è un giocatore che è difficile da sostituire in quanto può risolvere la gara in qualsiasi momento”.

Dopo il tecnico dell’Empoli, arriva Atzori: “Fa piacere ricevere i cori della curva. Alla prima non avevo capito che scandissero il mio nome, la seconda volta sono riuscito a capire che erano per me. Sono contento. Ho visto 11 leoni, ho visto la mia squadra, ho visto tanto cuore.
Non sono sorpreso della prestazione: l’episodio del gol subito avrebbe potuto tagliare le gambe ai miei, ma hanno reagito alla fine abbiamo meritato.  La prestazione di oggi ti fa lavorare con serenità ed ti permette di affrontare nei migliori nei modi i nostri difetti. Perdere due attaccanti per aver preso delle stupide ammonizioni mi fa arrabbiare. Lo farò presente ai giocatori. Le scelte non devono essere forzate, ma devo essere io a farlo. Non direi che la squadra vada in difficoltà per le condizioni fisiche. Subiamo emotivamente quello che succede in campo, fisicamente siamo ok, questa è l’unica certezza che ho. ”

Di Michele prova a risolvere la gara con le giocate del singolo. Ho bisogno delle sue giocate, è l’unica che ha personalità e prova a saltare l’uomo.

GERARDI-COCCO: “Hanno le stesse caratteristiche. Il lavoro settimanale è un buon metro di giudizio. Mi piace il sano dualismo. La stessa cosa si può dire anche per Fischnaller e Maza”