Palmi (Rc), convalidato il fermo per il minorenne accusato di estorsione, usura e associazione mafiosa

carcere_minorile_catanzaroIl gip del Tribunale di Reggio Calabria, Bruno Finocchiaro, ha deciso di convalidare il fermo e il trasferimento nel carcere minorile di Catanzaro del minorenne  A. G. Il giovane rampollo della cosca Gallico di Palmi, nel Reggino, è stato arrestato martedi’ mattina insieme ad altre tre persone, con l’accusa di associazione mafiosa, estorsione e usura nei confronti di alcuni imprenditori di Palmi che hanno denunciato tutto agli inquirenti. L’interrogatorio di garanzia si è tenuto nella serata di ieri, ma il gip si era riservato la decisione. Stamattina, cosi’ come chiesto dal pm della procura dei minori Francesco Stilla, il giudice per le indagini preliminari ha convalidato il fermo emesso dalla Dda di Reggio Calabria e dalla procura dei minori e mandando il giovane A. G., di 17 anni, al carcere minorile di Catanzaro. Gli interrogatori di garanzia si terranno nel carcere di Palmi per quanto concerne gli altri tre indagati: Antonino Cosentino, Rocco Brunetta e Rocco Bartuccio. E’ ancora latitante Emanuele Cosentino, figlio di Antonino.