Palermo, stragi’ 92: Roberti, nuove indagini

Camorra: Roberti, si può battere se lo Stato lo vorrà “Sulle stragi del 1992 sono in corso nuove indagini perché non si deve mai finire di tenere i riflettori accesi sui responsabili, ed è giusto fare luce su tutti quegli spazi che si pensa siano ancora coperti da segreto”. Lo ha detto il procuratore nazionale antimafia Franco Roberti, a Palermo. “Lo Stato come apparato giudiziario e investigativo ha fatto tantissimo ma – ha aggiunto – non ha ancora vinto le mafie”.