Operazioni dei carabinieri in provincia di Reggio, arresti e sequestri in varie località

PATTUGLIA CARABINIERI CATANIA03.10.2013, Bagnara Calabra (RC), in località “Malopasso”, i Carabinieri della Stazione di Bagnara Calabra unitamente ai carabinieri dello Squadrone Eliportato Cacciatori “Calabria”, nel corso  di un  servizio perlustrativo ed in seguito a mirata ricognizione aerea dell’8° Nucleo Elicotteri Carabinieri di Vibo Valentia, hanno rinvenuto, sequestrato e distrutto, una piantagione di canapa indiana composta da 10 piante dell’altezza media di 2,5 metri in buono stato maturazione, abilmente occultata dalla fitta spontanea vegetazione.

03.10.2013, Montebello Ionico (RC), in località “Coccodrillo”, i Carabinieri della Stazione di Saline Di Montebello Ionico, nel corso di servizio di controllo del territorio, hanno rinvenuto, sequestrato e distrutto, una piantagione di canapa indiana, composta da 20 piante dell’altezza media di 30 cm in evidente stato di abbandono.

03.10.2013, Montebello Ionico (RC), frazione Saline, i Carabinieri della Stazione di Saline Di Montebello Ionico,  in esito a ispezione effettuata dalla Commissione Tecnica Provinciale per le Materie Esplodenti istituita presso la Prefettura di Reggio Calabria, hanno sequestrato l’attività di vendita al dettaglio nonché del deposito di materiale esplodente di proprietà di F. D. di anni 54, poiché è stata riscontrata l’inosservanza delle prescrizioni inerenti la corretta detenzione delle sostanze esplodenti ed il verosimile superamento della quantità autorizzata.

04.10.2013, Bagnara Calabra (RC), frazione Pellegrina alle ore 01:00 circa, i Carabinieri della Stazione di Bagnara Calabra, nell’ambito di servizi straordinari di controllo del territorio ed a seguito di mirata attività info-investigativa, hanno arrestato in flagranza di reato Serravite Domenico di anni 39, pregiudicato, poiché durante la perquisizione domiciliare è stato trovato in possesso di 1 pianta di cannabis indica dell’altezza di circa 60 cm, coltivata nel balcone e curata con tagli precisi necessari alla successiva rifioritura, nr. 50 semi di cannabis indica e complessivi grammi 26 della medesima sostanza stupefacente, frazionati in più parti ed abilmente occultati.

03.10.2013, Galatro (RC), i Carabinieri della Stazione di Galatro e della Stazione di Feroleto della Chiesa, a conclusione di servizio straordinario di controllo del territorio, hanno arrestato Cordiani Paolo di anni 57 per furto aggravato di energia elettrica e gas,  poiché, in modo fraudolento, tramite manomissione dei contatori, alterava palesemente sia il consumo di energia elettrica che quello di gas della propria abitazione.

03.10.2013, Sinopoli (RC), frazione “Sinopoli Vecchio”, i Carabinieri della Stazione di Sinopoli e dello Squadrone Eliportato “Cacciatori” Calabria, in seguito di mirata ed articolata attività congiunta finalizzata alla repressione della produzione e dello spaccio di stupefacenti, ed in esito alla ricognizione aerea dell’8° Nucleo Elicotteri Carabinieri di Vibo Valentia, hanno rinvenuto, sequestrato e distrutto, una piantagione di canapa indiana composta da 58 piante dell’altezza media di 1,5 metri in buono stato maturazione, abilmente occultata dalla fitta spontanea vegetazione.

Il 2 ottobre 2013 i Carabinieri della Compagnia di Roccella Jonica hanno arrestato in flagranza di tentata rapina VOLOSENIUC PAVEL Marius,   cittadino rumeno di anni 22,  domiciliato in Gioiosa Jonica (RC).

Il rumeno, qualche istante prima delle 8 di sera è entrato nel supermercato Simply, di via Carlo Alberto n. 40 di Marina di Goiosa Jonica, travisato da un casco ed armato di revolver. Sotto la minaccia dell’arma ha tentato di farsi consegnare dalla cassiera il guadagno della giornata, ma non aveva calcolato la reazione dei clienti e dei proprietari dell’esercizio commerciale. Infatti alcuni di loro si sono avventati sul rapinatore che cadeva a terra, perdendo sia il casco che l’arma che teneva in pugno. Nel frattempo un Carabiniere in forza alla Compagnia di Roccella Jonica, che, libero dal servizio, si trovava nei pressi dell’ingresso del supermercato, avendo notato il rapinatore che entrava nel negozio col casco indossato, dopo aver avvisato la centrale operativa del Comando Compagnia di Roccella Jonica, è entrato nel supermercato e qualificatosi come Carabiniere, con l’aiuto di alcuni presenti lo ha immobilizzato fino all’arrivo di una pattuglia della Stazione di Marina di Gioiosa Jonica, in servizio di controllo del territorio. L’arma è risultata un Revolver giocattolo seppur priva del prescritto “tappo rosso”. Il casco e l’arma sono state sequestrate dai Carabinieri.

Le indagini sulla rapina non sono comunque chiuse nonostante l’arresto. I Carabinieri vogliono accertare le esatte modalità della scelta dell’obiettivo da parte del rapinatore ed il suo possibile coinvolgimenti in altri fatti analoghi, avvenuti nei centri della vallata del Torbido.