Milazzo (Me), Garofalo chiede il reintegro del consiglio comunale nell’esercizio delle sue funzioni

Milazzo comuneIl deputato del Pdl Vincenzo Garofalo ha presentato una interrogazione al Ministro dell’Interno nella quale chiede di intervenire tempestivamente al fine di consentire che i rappresentanti eletti nel Comune di Milazzo vengano reintegrati nell’esercizio delle loro funzioni.

“Il Presidente della Regione- spiega Garofalo- sarebbe dovuto intervenire già da tempo. Il decreto con il quale il 16 maggio scorso ha disposto lo scioglimento del Consiglio, infatti, è illegittimo. Non solo- continua il deputato- il Consiglio di Giustizia Amministrativa, accogliendo il ricorso presentato da alcuni consiglieri avverso la delibera di dissesto, aveva già concesso la sospensiva (cosa che sarebbe stata sufficiente a rendere necessaria la reintegrazione dei consiglieri nell’esercizio delle loro funzioni) ma, come se non bastasse, nelle more del giudizio in corso, è intervenuta la Corte costituzionale che, con sentenza 219 del 2013, ha accolto il ricorso proposto dalle Regioni a statuto speciale, tra cui quella siciliana, e dichiarato l’illegittimità costituzionale dell’articolo 13 (comma 1 secondo periodo) del decreto legislativo n°149 del 2011, che attribuisce alla Corte dei Conti il potere di disporre coattivamente lo scioglimento per il tramite di un commissario ad acta come avvenuto nel comune di Milazzo. L’inerzia del Presidente della Regione è inaccettabile. E’ necessario- conclude Garofalo- intervenire per consentire al Consiglio comunale di Milazzo di esercitare le proprie funzioni politiche e amministrative”.