Messina, quattro ordinanze di custodia cautelare per spaccio di stupefacenti

Polizia: una volante della Questura di CatanzaroQuattro giovani, tutti messinesi, tra i 20 e i 23 anni, sono accusati del reato di spaccio di sostanze stupefacenti. Nei loro confronti sono stati eseguite quattro ordinanze di custodia cautelare. Roberto Brigandì dovrà scontare la pena residua di 4 anni e 8 mesi di reclusione;  Danilo Minisi, 4 anni e 10 mesi di reclusione; Alessio Nostro 3 anni e 6 mesi di reclusione; Edoardo Perrone, 3 anni e 4 mesi. Già nel luglio 2010, i quattro erano stati sottoposti al provvedimento restrittivo e collocamento in comunità emesso dal Gip del Tribunale per minorenni di Messina. Lo spaccio di sostanze stupefacenti, grazie alla rete composta dai quattro giovani, si svolgeva prevalentemente a Messina Centro.