Messina-Poggibonsi 1-1: le pagelle di StrettoWeb. Guadalupi croce e delizia, Bucolo polmoni d’acciaio

Senza titolo-1Il Messina non riesce ad invertire la rotta e infrange le proprie speranze di vittoria all’87′esimo sul gol di Scardina. Contro il Poggibonsi la formazione di Catalano ha fatto un evidente passo in avanti sotto il profilo del gioco e psicologico ma ciò non è bastato per portare a casa tre punti che erano fondamentali. Reduce da due sconfitte consecutive (l’ultima in casa 3-0 con il Foggia) i peloritani conquistano un solo punticino che non serve a nulla e decreta il penultimo posto in classifica in compagnia del Castel Rigone.

Ecco le pagelle di Messina – Poggibonsi 1-1:

Lagomarsini, voto 6,5: attento e sicuro come sempre. I toscani non fanno granché per impensierirlo, ma sull’unico tiro in porta (colpo di testa vincente di Scardina) non può nulla. Impeccabile

Ignoffo, voto 6,5: della nuova difesa a tre ridisegnata da mister Catalano è il leader indiscusso, roccioso e presente come ci si aspetta da un calciatore del suo spessore. Ritrovato

Silvestri, voto 6: il nuovo modulo sembra essergli congeniale, se non fosse per la disattenzione sul gol di Scardia avrebbe ampiamente meritato la sufficienza. Bravino

Scoponi, voto 7: tanta corsa e inserimenti lungo la corsia di competenza. Catalano lo sostituisce con Quintoni solo perché sarà lo stesso argentino a chiedere il cambio per mancanza di energie. Pendolino

Guerriera, voto 7,5: sornione le primo tempo ma scatenato nella ripresa. Al 62′esimo scarta uno, due, tre avversari e serve Corona che sciupa il 2-0. Illuminante

Bucolo, voto 7,5: corre, combatte e all’occorrenza, in più di un occasione, si inventa attaccante aggiunto. Polmoni d’acciaio

Piovi, voto 6,5: piccolo passo in avanti rispetto alla gara contro i Foggia, ma alcuni suggerimenti non sono degne delle aspettative create attorno all’argentino. Si può dare di più

Guadalupi, voto 6,5: ogni pallone passa dai suoi piedi. Costretto il più delle volte ad arretrare per imbastire l’azione. Nella ripresa torna a fare il numero 10 e regala un assist al bacio per Guerriera che ringrazia ma non concretizza. Sciupa una buona occasione su una ripartenza dei compagni peccando di imprecisione. Croce e delizia

Buongiorno, voto 7: tanta corsa e fisicità da vendere. Chiamato a fare il “lavoro sporco” della fase difensiva e per questo spesso non lo si vede in fase di conclusione. Combattivo

Corona, voto 8: si presenta sul dischetto non una, ma due volte (il primo penalty è stato annullato per presenza di calciatori in area). Sceglie lo stesso angolo e per due volte va a segno. Spreca un’ottima occasione per il raddoppio dopo la serpentina di Guerriera, ma non gli si può chiedere di far tutto da solo. Matador

Catalano, voto 6: ridisegna l’assetto del Messina optando per un 3-4-1-2 che garantisce più quadratura e solidità nella fase di non possesso. Questa settimana di “silenzio” è servita per ricaricare le pile e aumentare la concentrazione, ma i risultati non pagano e ancora una volta un gol negli ultimi minuti punisce la sua squadra. Sfortunato