Messina, il valore della bellezza per contrastare la malattia: al via al policlinico il progetto “Una stanza tutta per sé”

AOU “G. Martino”Una stanza speciale. Una stanza che comunque vuol “parlare” alle donne, quelle che si ritrovano a convivere con un tumore e con tutti i problemi e i disagi che esso determina.

Ci sarà una stanza così al policlinico “G. Martino” grazie al progetto “Una stanza tutta per sé” che prende il via dopo la firma della convenzione tra l’Azienda Ospedaliera Universitaria e l’Associazione “Per te Donna Onlus”, realtà che dal 2000 rappresenta ed è vicina alle donne affette da tumore, in particolare al seno.

Un progetto  – attivato all’interno dell’UOC di oncologia medica con hospice diretta dal prof. Giuseppe Altavilla -  nato dalla consapevolezza che in un processo di cura vi siano più fattori da tenere in considerazione.

Affrontare una malattia significa fare i conti non solo con farmaci e trattamenti specifici ma anche con gli effetti che un male può determinare sul piano estetico. Ecco perché una partita molto importante si gioca sulla necessità di continuare ad alimentare la voglia di guardarsi allo specchio, scoprendo “look” sempre diversi.

Non solo medicine dunque: nella “stanza tutta per sé” le pazienti oncologiche troveranno parrucche, cappelli e foulard da poter prendere in comodato d’uso. Ad accoglierle insieme alle volontarie dell’associazione ci saranno parrucchieri ed estetiste: le pazienti, come in un punto estetico, si potranno rivolgere loro anche prima di sottoporsi alla chemioterapia, ricevendo consigli per un eventuale taglio preventivo dei capelli, ma anche per un suggerimento su come truccarsi. Dalla scelta del colore del rossetto e dell’ombretto fino alla tonalità del fondotinta, ogni particolare può fare la differenza e può contribuire per aiutare ad affrontare la malattia con uno spirito diverso. È la prima tappa di un cammino che vuol arricchirsi di attività sul piano formativo, culturale e sociale e che ha un forte peso sul piano psicologico perché punta a  guidare verso una piena accettazione di sé, elemento indispensabile per assumere un atteggiamento ancor più reattivo.

“Come nell’omonimo saggio di Virginia Woolf – sottolinea la prof.ssa Maria Antonella Cocchiara che ha sostenuto questa iniziativa -  la “stanza tutta per sé” diventa metafora di autonomia e libertà per raggiungere o recuperare un punto di equilibrio interiore”.

Una metafora che in questo caso si concretizza e prende forma anche negli spazi; il reparto di oncologia è stato di recente ristrutturato e sarà a breve completato per rendere anche questa stanza “speciale” accogliente e confortevole sotto ogni punto di vista.