Messina, Cacciotto: “Villaggi anonimi!!! Molte stradine periferiche senza un nome…”

Alessandro-Cacciotto-Di seguito la lettera aperta inviata dal consigliere della Terza Circoscrizione, Avv. Alessandro Cacciotto all’Assessore alla Viabilità – Gaetano Cacciola, allAssessore alla Toponomastica – Sergio Todesco e all’Assessore alle Periferie – Prof. ssa Patrizia Panarello:

Il sottoscritto consigliere della Terza Circoscrizione avv. Alessandro Cacciotto, inoltra la presente al fine di significare quanto segue.

Le periferie rappresentano purtroppo il tallone d’achille di una città che sta cercando con tutte le sue forze di farcela, di rimanere a galla.

Elencare i problemi dei Villaggi, sarebbe impresa assai ardua dal momento che non manca giorno in cui urge segnalare disfunzioni ed interventi.

Se però alcuni problemi non sono di facile ed immediata risoluzione, altri invece potrebbero, con il dispendio di non esagerate risorse, essere risolti. Il risultato? Dare un segnale alle periferie di vicinanza e non di abbandono.

Tra i problemi che potrebbero nel breve periodo essere risolti, c’è senza ombra di dubbio quello legato all’assoluto anonimato di molte vie cittadine.

Basta infatti recarsi nei Villaggi (per competenza la Terza Circoscrizione) per rendersi conto che non è assolutamente agevole muoversi o meglio rendersi conto di quale via si stia percorrendo.

In realtà, molte stradine posseggono già un loro nome ma il problema è che mancano materialmente le indicazioni. Ciò non può che arrecare disagi, basti pensare al recapito postale..

Cosi basti pensare ad esempio al Villaggio di Camaro S. Paolo: una lunga via, la Gerobino Pilli e tante stradine che si intersecano, molte delle quali sono dal punto di vista nominativo sconosciute.

Ma il problema è comune comunque a tanti altri Villaggi, oltre Camaro S. Paolo si potrebbe citare parte del Rione Camaro S. Luigi, Bisconte, Fondo Fucile…

Ed ancora: nonostante nell’era dell’ex Commissario Sbordone si sia deciso di ridurre le Circoscrizioni da 14 a 6, non si è avuti l’accortezza, l’interesse e direi il rispetto anche istituzionale di apporre le nuove indicazioni.

Insomma, i disagi in periferia non mancano ma, ciò che si chiede a questa Amministrazione, è di ripartire proprio dal basso…di ripartire dando nome e cognome alle periferie…

Alla luce di quanto rappresentato, il sottoscritto consigliere circoscrizionale

Chiede

Alle SS. LL. in indirizzo, ciascuna per la parte di propria competenza, di predisporre tutti gli strumenti necessari volti a dare una identità alle vie cittadine dei Villaggi della Terza Circoscrizione.