Mafia: arrestato latitante messinese in Germania, era stato condanno a 21 anni di reclusione

vincenzo crascìEra stato condannato a 21 anni per omicidi plurimi in concorso ed estorsioni riguardanti l’operazione Mare Nostrum, con un processo che va avanti da circa dieci anni, con oltre 100 imputati accusati di fare parte di una delle più potenti famiglie mafiose della città di Barcellona Pozzo di Gotto, ovvero i  Chiofalo. 

I carabinieri di Parma, dopo anni di ricerche in collaborazione con la polizia tedesca, hanno scovato e arrestato Vincenzo Crascì, 54 anni, nato in Australia ma residente in Provincia di Messina. Da tempo l’uomo si  nascondeva a Singen, una cittadina della Germania. Crascì è accusato di associazione a delinquere di stampo mafioso, omicidi plurimi, estorsioni e danneggiamento. Prima di darsi alla latitanza aveva vissuto a Parma dove faceva l’ortolano. Dal 2011 si nascondeva in Germania. Crascì domani sarà estradato e condotto in Italia.