Immigrati, catastrofe Lampedusa: le testimonianze dell’isola. Napolitano: “presidiare coste straniere”

1377329_10202025113930217_13341262_nLi abbiamo raccolti in acqua e si vedeva che uscivano da una macchia d’olio, urlavano, si sbracciavano, chiedevano aiuto“. Così a Rainews 24 Vito Fiorino, abitante di Lampedusa che con la sua barca di dieci metri ha soccorso 47 migranti che erano a bordo di un barcone naufragato al largo di Lampedusa su cui viaggiavano 500 persone. “Abbiamo tratto in salvo una donna e 46 uomini, dei ragazzi, pochi minuti ancora e non ce l’avrebbero fatta“.

NAPOLITANO: “INDISPENSABILE MONITORARE COSTE STRANIERE” - ”E’ indispensabile stroncare il traffico criminale di esseri umani in cooperazione con i paesi di provenienza dei flussi di emigranti e richiedenti asilo. Sono pertanto indispensabili presidi adeguati lungo le coste da cui partono questi viaggi di disperazione e di morte“. Lo dice Giorgio Napolitano sul naufragio di Lampedusa.