I 226 immigrati arrivati a Reggio rischiavano di annegare nel Mediterraneo: tragedia evitata in extremis

immigratiSono 10 i fermi eseguiti dalla guardia di finanza tra i componenti, presumibilmente egiziani, dell’equipaggio (in tutto 17, compresi 7 minori) del peschereccio che ha fatto da ”nave madre” per il barcone soccorso al largo della Calabria domenica scorsa con 226 persone a bordo di presunta nazionalita’ siriana ed egiziana, tra cui 102 uomini, 45 donne e 79 minori. Soccorso risultato fondamentale, visto che il barcone, che si trovava a 150 miglia dalla costa, imbarcava acqua e rischiava di affondare. L’operazione ”Never more”, che ha portato all’individuazione della ”nave madre”, e’ stata condotta dalle unita’ aeronavali della guardia di finanza, in collaborazione con i finanzieri del Comando regionale Calabria e del Comando operativo aeronavale di Pomezia, sotto la direzione del capo della Dda di Reggio Calabria Cafiero De Raho, dell’aggiunto Gratteri e dei pm Frustaci e Sirleo. In seguito ad indagini del Comando provinciale della finanza di Reggio e del Reparto operativo aeronavale di Vibo Valentia, che hanno predisposto operazioni mirate di pattugliamento nelle acque internazionali lungo le rotte percorse dai trafficanti di esseri umani, alle 13.15 di sabato, un aereo portoghese impiegato nell’operazione “Hermes 2013″ ha avvistato a 250 miglia a sud-est di Capo Spartivento un peschereccio di 30 metri in navigazione verso le coste italiane con a rimorchio un’imbarcazione piu’ piccola priva di passeggeri. Il convoglio e’ stato monitorato dall’aereo portoghese e da un aereo Atr42 del Gruppo di esplorazione aeromarittima della Finanza sino a quando, alle 23.25 di sabato, a circa 210 miglia da Capo Spartivento, l’imbarcazione piu’ piccola e’ stata affiancata dal peschereccio e i migranti sono stati costretti a trasbordare. Tutte fasi filmate con le telecamere all’infrarosso degli aerei. Il peschereccio si e’ poi allontanato verso le coste egiziane mentre l’imbarcazione piu’ piccola si e’ diretta verso quelle calabresi. Un pattugliatore d’altura del Gruppo di Taranto si e’ diretto verso la “nave madre”, monitorata dagli aerei, mentre un pattugliatore veloce del Gruppo di Messina ed un guardacoste di Crotone si sono diretti verso i migranti. Alle 10 di domenica il pattugliatore Denaro ha raggiunto l’unita’ “madre”, fermandola ed abbordandola a 225 miglia a sud-est di Capo Spartivento, ad un centinaio di miglia dalle coste libiche. L’imbarcazione e’ risultata priva di documenti e di bandiera per sfuggire al riconoscimento a distanza. Nel frattempo le altre due unita’ della guardia di finanza hanno raggiunto il barcone prestando soccorso ai migranti che sono stati presi a bordo dalle unita’ militari. I migranti sono giunti nel porto di Reggio la sera di domenica. Ai finanzieri hanno raccontato di avere pagato circa tremila dollari per il viaggio. Il pattugliatore con il peschereccio, invece, e’ giunto in porto alle 19 di ieri. I 10 fermati sono tutti accusati del trasporto dei migranti. Ulteriori indagini sono in corso per individuare possibili collegamenti sul territorio nazionale ed i responsabili dell’associazione a delinquere a carattere transnazionale dedita al traffico di migranti.