Gerace, nuove iniziative di lotta per l’utilizzo della struttura di “Largo Piana”

imagesRiprende più decisa che mai, e con nuove strategie, l’interminabile, pluriennale battaglia della Città di Gerace per l’utilizzo dell’imponente struttura costruita in località “Largo Piana” per ospitare il già esistente Ospedale geriatrico, per lungodegenti e riabilitazione mai entrata in funzione. Malgrado la giornata festiva, ieri, domenica 20 ottobre, si è svolta nella sala conferenze del Museo Civico, la preannunciata assemblea indetta dall’Amministrazione Comunale geracese, guidata dal Sindaco Giuseppe Varacalli, proprio per riproporre con maggiore decisione l’ormai annoso problema più volte sollecitato alle istituzioni regionali competenti, anche dalle passate amministrazioni, ma mai risolto.

Un immobile all’avanguardia, con una capienza di 120 posti letto, già arredato con le tecnologie necessarie per i servizi di cucina e di lavanderia, con impianti elettrici e fotovoltaici, ascensori ed altro, abbandonati letteralmente al loro destino, tra l’incuria e la mancata manutenzione che hanno provocato un gravissimo deterioramento dell’intero complesso. Circa nove miliardi di vecchie lire il costo! Un vero scandalo del quale, in passato, si sono occupate testate giornalistiche televisive e della carta stampata sia nazionali che regionali e locali, nonché un’interrogazione parlamentare ed anche la Corte dei Conti.

All’incontro di ieri mattina hanno partecipato, insieme col Sindaco Varacalli, una rappresentanza della Giunta e dell’Amministrazione da lui presieduta (erano assenti pienamente giustificati i tre rappresentanti degli altrettanti Gruppi di minoranza), una delegazione di cittadini ed i rappresentanti di varie associazioni del territorio che da tempo condividono la battaglia per l’utilizzo dell’immobile. Ad inizio seduta il sindaco Varacalli ha porto il saluto dell’On. Giuseppe B. Fimognari, già sindaco di Gerace, fondatore dell’Ospedale cittadino che per un ventennio fu ospitato presso “Palazzo Sant’Anna” rappresentando un fiore all’occhiello della Geriatria e della Riabilitazione medica. Fimognari, ha precisato Varacalli, aderisce sin d’ora ad ogni iniziativa che tenda a restituire giustizia non solo alla città di Gerace ma anche all’intera Locride ed alla sanità calabrese. Il primo cittadino ha quindi tracciato un excursus delle procedure fin qui seguite per sensibilizzare l’A.S.P.sp 5 di Reggio Calabria – e per essa la Regione – ad adottare una decisione circa l’utilizzo della struttura, ma senza risultati. Procedure che si trascinano ormai da anni e che muoiono nella totale indifferenza di quanti hanno il dovere ed il potere di dare comunque delle risposte ai cittadini contribuenti. Varacalli ha poi palesato la personale intenzione di dare il via ad una pacifica occupazione, secondo un calendario ben preciso, della sala del Consiglio Comunale geracese, nonché ad un sit-in di protesta davanti ai cancelli d’ingresso della struttura ospedaliera di “Largo Piana”.

Un argomento spinoso, quello della struttura inutilizzata a Gerace, che va ad aggravare la già precaria situazione dell’assistenza sanitaria nella Locride sulla quale, fatte salve alcune eccezioni cui va reso il giusto merito, si è soffermato il Presidente del Comitato dei Sindaci della Locride, Giuseppe Strangio, il quale ha assicurato che l’importante organismo da lui rappresentato sarà, insieme con l’Assemblea dei primi cittadini, accanto all’Amministrazione geracese nelle iniziative che si andranno ad adottare per porre fine all’incredibile vertenza. Strangio ha proposto pure alcune iniziative di carattere burocratico-istituzionali che affiancheranno e supporteranno le altre forme di lotta che saranno adottate. Molto nutrito il successivo dibattito pubblico durante il quale sono state formulate varie proposte per rendere ancora più incisiva ed efficace la protesta. Sono intervenuti Edmondo Crupi e Decio Tortora (“Corsecom” coordinamento tra associazioni della Locride); Mario Diano (“Jonica Holidays” consorzio albergatori); Emanuela Ientile (Club Unesco Gerace); Maria Grazia Messineo (Centro Studi “Lazzati”); Anselmo Scaramuzzino (Circolo “Giovane Italia”); Francesco Megalizzi, Ferdinando Scaglione, Giorgio Orlando e Domenico Femia. Dai vari interventi sono giunti utili suggerimenti ed indicazioni per nuove strategia di lotta che, pur nel rispetto delle procedure giuridico-burocratiche, questa volta partono dall’innegabile constatazione che la “misura è veramente colma” e nessuno può più accettare la spudorata indifferenza con cui il problema viene affrontato; anzi, non viene proprio affrontato.

Tra le proposte figurano quella di una nuova denuncia alla Magistratura contabile per l’ulteriore danno erariale che il mancato utilizzo della struttura sta causando e, se vi sono i termini, di una denuncia anche alla Magistratura ordinaria per le omissioni che dovessero essere eventualmente accertate. Ed ancora: sit in di protesta, occupazione dell’immobile, restituzione dei certificati elettorali al Prefetto di Reggio Calabria, requisizione della struttura per motivi di sicurezza, etc.. Durante l’assemblea di ieri è stato più volte chiarito che in nessuna considerazione sono state prese dall’A.S.P. n. 5 alcune specifiche proposte di utilizzo (ultima in ordine di tempo quella del Policlinico di Monza a costi zero per l’A.S.P. e per la Regione); nessuna risposta è stata data al Comune di Gerace che – in più occasioni – ha chiesto la restituzione della proprietà dell’immobile o, almeno, la concessione in comodato d’uso gratuito. Ribadito, altresì, che la struttura stessa potrebbe essere riconvertita per essere destinata ad altre attività: turistico-alberghiere, universitarie, scientifiche, artistiche, giovanili, etc..

A conclusione della giornata, una folta delegazione d’intervenuti, con in testa il Sindaco Varacalli, si è recata al palazzo municipale dove ha pacificamente occupato per alcuni minuti la Sala Consiliare. Subito dopo si è trasferita in “Largo Piana” per un breve sit-in davanti ai cancelli dell’Ospedale. L’occupazione ed il sit-in riprenderanno a partire da oggi secondo un calendario che verrà di volta in volta stilato compatibilmente con le disponibilità personali dei volontari anche in rappresentanza dei vari sodalizi aderenti. Oggi e domani, dalle ore 10 alle ore 12, davanti ai cancelli della struttura di “Largo Piana” sarà possibile dare la propria adesione a un successivo sit-in da effettuare prossimamente presso il Consiglio Regionale della Calabria. Da mercoledì le adesioni saranno raccolte presso la Sala Consiliare geracese di Palazzo Grimaldi-Serra.