Cetraro (CS), trattamento sanitario obbligatorio su un bambino 15enne: “fatto gravissimo”

tsoUn trattamento sanitario obbligatorio e’ stato disposto, a fine agosto, nei confronti di un bambino di 15 anni per un discontrollo degli impulsi con il ricovero in psichiatria a Cetraro (Cs). E’ un fatto gravissimo per il quale chiediamo conto al comune di Cosenza, che ha firmato la richiesta, e all’Asp che ha competenza sul territorio”. Lo afferma Mario Campanella, giornalista e presidente dell’associazione Peter Pan, che si occupa di contrasto alla pedofilia e di problematiche giovanili. ”La questione – dice Campanellaci e’ stata segnalata da amici della provincia di Reggio Calabria, dove il ragazzino oggi si trova residente in una comunita’. Ci chiediamo quale necessita’ ci fosse per un provvedimento del genere – dice Campanellae cosa facciano i servizi territoriali preposti ad affrontare il disagio. Scarpelli e Occhiuto sono persone serie e la loro responsabilita’ e’ certamente morale e non fattuale -scrive Campanellama e’ opportuno che aprano un’indagine interna seria e non difensiva avendo come obiettivo la ricerca della verita’. Il trattamento sanitario obbligatorio – conclude Campanellae’ un istituto emergenziale e non ordinario ed e’ grave che sia stato chiesto per un bambino: altrettanto grave e’ firmare senza leggere perche’ la normativa nazionale non dice questo”.