Catanzaro, voti comprati: processo per cinque persone

imagesIl giudice per le indagini preliminari del tribunale di Catanzaro, Abigail Mellace, ha rinviato a giudizio i cinque indagati per la presunta compravendita di voti in occasione delle elezioni comunali svoltesi nel capoluogo calabrese nel maggio del 2012. Un sesto indagato sarà processato con il rito abbreviato. Nel corso dell’udienza preliminare il pubblico ministero, Gerardo Dominijanni, ha ribadito la richiesta di rinvio a giudizio, mentre i difensori degli indagati avevano chiesto il proscioglimento. L’accusa ha sostenuto che in occasione delle elezioni comunali furono fatte promesse di denaro e di posti di lavoro in cambio del voto. La Procura ha ipotizzato anche l’utilizzo di una ‘scheda ballerina’. Secondo gli inquirenti, ci sarebbe stato un ‘nucleo’ di persone che avrebbe organizzato nel dettaglio la compravendita dei voti in favore di Francesco Leone, candidato alla carica di consigliere comunale. Per i cinque indagati rinviati a giudizio, tra cui lo stesso Francesco Leone, il processo avrà inizio il 9 aprile prossimo.