Calcio, Messina: parola al capitano Giorgio Corona: “niente paura, il Messina verrà fuori molto presto”

Giorgio Corona (2)In un periodo non proprio positivo, sia sotto il profilo del gioco che dei risultati, il Messina si appresta ad affrontare una doppia trasferta in terra campana: domani in Coppa Italia contro la Salernitana, e domenica 6 ottobre contro l’Aversa Normanna in campionato.

Contro gli amaranto sarà una sfida che rimembra altre gesta, altre categorie, come quel Messina di Bortolo Mutti che vinse all’Arechi per 3-0 l’anno della promozione in Serie A. Confrontarsi con la Salernitana - formazione di Prima Divisione di Lega Pro – è sempre stimolante, sia per la rivalità delle due tifoserie, sia per l’importanza di una piazza che certamente rientra tra le più calde del sud Italia.

La vigilia di questo doppio appuntamento in cinque giorni ce la racconta il capitano Giorgio Corona, tra i più positivi nell’ultima gara interna del Messina contro l’Aprilia e autore del primo gol dei giallorossi.

  • Giorgio, domenica il Messina è stato raggiunto in extremis sul 2-2. Alla luce della prestazione poco brillante della squadra, cosa sarebbe cambiato se aveste vinto?

“Se contro l’Aprilia avessimo vinto sarebbe cambiata solo la classifica. Siamo coscienti di aver giocato al disotto delle nostre potenzialità, ma è pur vero che si sono visti dei miglioramenti. Sappiamo che in questo periodo alcune cose non ci stanno andando per il verso giusto, e la soluzione è lavorare duro per migliorare la condizione dei singoli e dunque della squadra”.

  • Credi possa essere uno stimolo in più questa impegnativa e doppia trasferta con Salernitata e Aversa Normanna?

“Quando è finita la partita con l’Aprilia sia io che tutti i miei compagni volevamo rigiocare dopo cinque minuti. Intanto pensiamo a domani, alla Salernitana. C’è voglia di riscatto, di fare una prestazione importante e poi vedremo cosa succederà alla fine”.

  • Quanto conta per voi la Coppa Italia?

“E’ una competizione nella quale magari giocano quei calciatori che hanno trovato meno spazio durante il campionato, ma dobbiamo ricordarci che il Messina ha 29 titolari e corona 7tutti meritano di giocare. Certamente non pensiamo di snobbare la Coppa, anzi, ci teniamo a fare bella figura contro una squadra importante e in uno stadio che è sicuramente tra i più caldi d’Italia”.

  • A dispetto di qualche tuo compagno che sta facendo fatica a trovare la condizione migliore tu sembri già in grande forma….

“La mia condizione, come la mia prestazione di domenica scorsa, è stata esattamente come quella dei miei compagni, l’unica differenza è che ho fatto gol. Devo migliorare sia io che tutti i miei compagni per riuscire a trovare al più presto la continuità nelle prestazioni e nei risultati. Quando non sei al 100% della condizione è fisiologico fare delle prestazioni sotto tono, e ci sono alcuni miei compagni che non hanno fatto con noi la preparazione ed hanno bisogno di accumulare minuti nelle gambe per poter esprimersi al meglio”.

Nel corso di queste ultime settimane sono piovuti diverse contestazioni, soprattutto all’indirizzo dell’allenatore Gaetano Catalano, primo indiziato dello scetticismo dei messinesi, che magari si aspettavano un inizio di campionato arrembante. Corona, calciatore di indiscutibile esperienza, stigmatizza un po’ le critiche ma lancia una frecciatina verso quei “tifosi delle grande occasioni”: “Mi rendo conto come sia normale, per noi giocatori e per mister Catalano, finire sul banco degli imputati, ma anche se facessimo risultato si troverebbe sempre “il pelo nell’uovo”. Le contestazioni fanno parte del calcio e ne prendiamo atto. Mi accontenterei, però, di vedere un “S.Filppo” pieno che ci fischia piuttosto che vedere i soliti 1000 tifosi (che ci sostengono a prescindere dai risultati) ed essere criticato da chi è presente la domenica al campo. Ma non facciamo drammi, bisogna stare sereni perché sono convinto che il Messina verrà fuori molto presto”.

Per il match di Coppa Italia Lega Pro di domani contro la Selernitana, che si disputerà all’Arechi alle 20:45, tra i convocati del Messina rientra il fantasista Mirko Guadalupi, mentre saranno assenti per squalifica sia Parachì che Bucolo.

Ecco la lista dei convocati da mister Catalano: LAGOMARSINI Ettore, IULIANO Rino, IGNOFFO Giovanni, SILVESTRI Luigi, DE BODE Alessio, CAIAZZO Procolo, CALDORE Sebastian, BOLZAN Riccardo, QUINTONI Giuseppe, CUCINOTTA Antonio, GUILANA Marc, SIMONETTI Francesco, GUERRIERA Marco, SICILIANO Daniele, GUADALUPI Mirko, COSTA FERREIRA Pedro Miguel, GHERARDI Alessandro, CORONA Giorgio, BUONGIORNO Daniele, LASAGNA Fabrizio.