Calabria, proseguono i seminari sul legno calabrese a Made Expo. Tra i relatori Giuseppe Zimbalatti

CalabriaProsegue il ciclo di seminari informativi promossi dal PSR Calabria 2007/2013 all’interno di “Made Expo”.  Nella seconda giornata della fiera milanese – informa una nota dell’Ufficio stampa della Giunta regionale – si sono tenuti tre seminari, volti come l’intero ciclo, alla valorizzazione del legno calabrese e delle sue enormi potenzialità, ai quali ha preso parte anche il dirigente generale del dipartimento agricoltura, foreste e forestazione Giuseppe Zimbalatti.

Il primo seminario, “Le travi Uso Fiume di castagno: la cultura del legno massiccio certificata CE”, tenuto da Stefano Dezzutto dell’ufficio tecnico Area Legno di Federlegno Arredo, si è incentrato sulle possibili strategie di valorizzazione del legname calabrese, ed in particolar modo di quello di castagno, terza categoria forestale prevalente nella regione. Dezzutto ha spiegato che nel 2010 è partita una sperimentazione con la costituzione di un gruppo di aziende che hanno iniziato a lavorare per un corretto inquadramento normativo del legname di castagno e per facilitare il suo impiego in edilizia, fornendo adeguate garanzie di  prestazione. E ad oggi, delle trentacinque imprese, ben quattro sono calabresi e tre di loro già marcano CE il castagno prodotto.

Nel secondo incontro, Caterina Loddo, dirigente del dipartimento agricoltura ha parlato della “Legge forestale regionale  a supporto della filiera bosco – legno” e quindi dell’interesse che il settore forestale riveste nella realtà produttiva regionale. Tanto che la legge forestale regionale N. 42/2012 promuove proprio la filiera foresta – legno. Loddo ha parlato delle amministrazioni regionali, che possono incentivare e promuovere le politiche del settore anche attraverso l’utilizzo delle risorse dei PSR, ponendosi in linea con la strategia nazionale del PQSF. L’obiettivo, secondo Loddo, sarebbe quello di incentivare la gestione forestale sostenibile, valorizzando le finalità produttive delle risorse boschive regionali e l’instaurarsi di rapporti efficienti tra territorio e imprese che vi operano.

Infine, Raffaele Arichetta e Sara Niccolò e Maria Rita Gallozzi, hanno trattato l’argomento “Certificazione forestale sostenibile e regolamento 995/2010 Timber Regulation”, ossia il regolamento entrato in vigore in tutti gli stati UE lo scorso mese di marzo e finalizzato a contrastare il commercio di legname e derivati di origine illegale. Dall’incontro è emerso, in sostanza, che è necessaria una certificazione della gestione forestale per un corretto utilizzo della risorsa naturale ed evitare un consumo indiscriminato del patrimonio forestale.

Dai seminari di oggi – ha affermato l’Assessore Michele Trematerra si è evinta ancora una volta l’importanza delle norme e della loro corretta applicazione nel settore forestale. Un settore sul quale, come amministrazione, contiamo particolarmente e per il quale abbiamo avvitato un percorso di riforme importantissime, che hanno già dato vita alla nuova legge forestale ed all’azienda Calabria Verde”.