Calabria, Giordano (IdV): “dalla Regione risposte incomplete su Porto Gioia Tauro e Trasporti”

 

Giuseppe-Giordano6Le risposte alle interrogazioni da me presentate sugli interventi nell’area portuale di Gioia Tauro e sul sistema dei trasporti regionali denotano una carenza di programmazione da parte del governo regionale su problematiche che investono da un lato lo sviluppo economico della Calabria, dall’altro il diritto alla mobilità dei cittadini calabresi. Il consigliere regionale, Giuseppe Giordano, stigmatizza l’operato del governo regionale il quale, a fronte delle emergenze nascenti dal ritardo nella realizzazione del gateway ferroviario per il  disinteresse di RFI al relativo bando, risponde che gli ostacoli denunciati a suo tempo sono stati superati con un progetto esecutivo del quale, tuttavia, non state indicate né le modalità, né un cronoprogramma che possano garantire   la ripresa del sistema portuale gioiese. Nè tantomeno, sottolinea Giordano, ci può accontentare di una risposta che tenta di deresponsabilizzare la stessa regione che, a suo dire, avrebbe messo in campo una serie di azioni le quali però si scontrano con dinamiche nazionali ed internazionali. Ci si domanda, rileva il consigliere regionale, quali iniziative abbia messo in campo ad oggi il governo regionale per scongiurare una crisi che sta investendo lo scalo portuale e che vede,invece,  il governo nazionale impegnare risorse cospicue in altre aree portuali lasciando la Calabria nel solito ruolo di cenerentola. A conferma dell’incapacità della giunta regionale di affrontare i nodi critici della Calabria, evidenzia Giordano, rileva la rassegnazione sull’inesorabile taglio che FS sta operando sul trasporto pubblico regionale eliminando periodicamente tratte importanti che servono numerosi cittadini con la contestuale incapacità delle Regione di onorare i debiti pregressi ed imporre alla stesse Ferrovie dello Stato una programmazione concertata nella razionalizzazione  del settore. Non è un caso, conclude il consigliere regionale, che anche sulle linee guida del piano regionale dei trasporti,  in discussione presso la commissione consiliare competente, una serie  di osservazioni  da me formulate e che denotano carenze su alcuni punti fondanti siano state recepite e approvate.