fbpx

Senatore Gentile: “onorare memoria di Pippo Fava”

Antonio_GentilePippo Fava era un giornalista coraggioso, bravo, temerario : la mafia lo uccise perché era un uomo libero e non aveva altri mezzi per fermarlo. Merita un posto nel Pantheon dei grandi italiani che hanno combattuto la mafia, da Falcone a Impastato, da Chinnici a Terranova Dalla Chiesa Basile, Borsellino, Cassarà e tanti altri .

Lo afferma il sen Antonio Gentile del Pdl, segretario dell’Ufficio di Presidenza del Senato

A gennaio 2014 saranno trascorsi trent’anni dalla sua uccisione- dice Gentile- e l’Italia deve commemorarlo , portando nelle scuole il suo esempio fulgido e vivo .

La sua figura appartiene a tutte le persone perbene- conclude Gentile- senza alcuna divisione, a tutti quelli che, nelle istituzioni e nella società civile, hanno sempre combattuto criminalità e malaffare