fbpx

Reggio, incendio danneggia orto botanico sul Viale Calabria

orto botanicoDi seguito la nota diffusa dalla Camera di commercio di Reggio Calabria –

“Dopo la firma dell’importante Protocollo d’intesa tra il Presidente della Camera di Commercio dott. Lucio Dattola ed il Magnifico Rettore dell’Università “Mediterranea” prof. Pasquale Catanoso, avvenuta lo scorso 30 luglio alla presenza di S.E. il Prefetto dott. Vittorio Piscitelli,  sono immediatamente partiti, come promesso in conferenza stampa, i lavori di recupero e riqualificazione dell’antico orto botanico situato sul Viale Calabria, di proprietà della Stazione sperimentale per le industrie delle essenze e dei derivati dagli agrumi (SSEA), azienda speciale della Camera di Commercio di Reggio Calabria.
Si tratta di un sito di grande pregio naturalistico, una volta vanto della nostra città, con migliaia di specie arboree e vegetali, che ospita al proprio interno una palazzina in stile Liberty ancora miracolosamente esistente, nonostante il luogo sia stato abbandonato per oltre 20 anni, nel corso dei quali si è tristemente trasformato in una discarica pubblica, ricettacolo di potenziali infezioni e malattie con grave pericolo per la salute dei cittadini. vigili del fuoco
Nel momento in cui finalmente, grazie al lavoro certosino portato avanti dal prof. Emilio Attinà della Facoltà di Agraria assieme agli operai dell’AFOR, era stata quasi ultimata la pulizia dell’area con lo sgombero di tonnellate di rifiuti e sterpaglie, la solita mano anonima ha tentato di fermare questa opera di rinascita dell’orto botanico, appiccando fuoco nella speranza evidentemente di distruggere tutto il sito appena risanato. E’ stato solo grazie al tempestivo intervento dei Vigili del Fuoco, allertati da cittadini virtuosi, che i danni sono stati contenuti, riuscendo a salvare le splendide palme, i grandi alberi ed anche la palazzina Liberty.
Subito dopo questo spiacevole episodio, i lavori di bonifica sono ripresi con tempestività e si ha fondata speranza di poter, entro pochi mesi, ultimare anche la messa a dimora sia di nuove che di antiche specie arboree e vegetali. 
Nonostante viviamo in un territorio in cui spesso si tenta di fermare processi di rinascita faticosamente intrapresi, la Camera di Commercio, l’Università reggina e la Stazione sperimentale continueranno ancora più motivati nell’opera di risanamento avviata, nella certezza di poter restituire in tempi brevi alla nostra regione un orto botanico restaurato, che sia punto di eccellenza per il mondo culturale, universitario ed imprenditoriale calabrese e reggino”.