fbpx

Messina, Ente Porto e Zona Falcata, Oceano (Cgil): “Indispensabile l’attenzione dei governi e il confronto con le parti sociali”

Lillo OceanoIl segretario generale della Cgil di Messina, Lillo Oceano,  interviene sul nodo Ente Porto/Zona Falcata sottolineando l’importanza strategica del futuro di quell’area per il futuro della città e sollecitando l’amministrazione comunale ad assumere una decisione chiara dopo un confronto aperto agli attori economici e sociali.

“Nei prossimi giorni, alla ripresa dei lavori dell’ARS, andrà in discussione la soppressione dell’Ente Porto e il rilancio della Zona falcata. Sulla necessità di sciogliere il nodo della duplicazione di enti e la sovrapposizione di competenze tra gli stessi e del conflitto che ne consegue si è già detto molto. Così come si è detto del conflitto di competenze tra Stato e Regione sulle aree portuali, del contenzioso e dell’immobilismo che ne è derivato.  A monte di queste duplicazioni e conflitti ci sono, ovviamente, interessi divergenti.  Interessi a volte legittimi, altre volte meno. Succede così che nonostante tutti si dicano indignati per lo sperpero e si impegnino per risolvere immediatamente il problema, la situazione  resta immutata. Non succede solo per l’Ente Porto, e non succede solo a Messina. È la scontata resistenza al cambiamento di chi trae giovamento da quella situazione involontariamente agevolata da chi non riesce a nutrire sufficiente speranza in un trasformazione capace di migliorare la condizione di vita di un territorio e di una comunità.

La Zona falcata è una delle aree a maggior potenziale del nostro territorio. Dal risanamento dell’area, dalla sua riqualificazione, da una progetto definito e puntuale, dalla sua restituzione alla città, può partire un processo di rigenerazione urbana ed una ipotesi di sviluppo economico basato sulle risorse e sulle vocazioni di Messina.

La realizzazione di ciò passa ovviamente dalle decisioni che si assumono alla Regione e a Roma. Giusto, pertanto chiedere al Governo regionale e a quello nazionale coerenza, attenzione e rispetto per questo territorio. Ma per ottenere attenzione bisogna anche avanzare proposte concrete, avere un progetto, compiere delle scelte.

Sono due le questioni che non si devono perdere di vista quando si parla di riqualificazione di un’area come la Zona falcata: la trasformazione urbana per restituire a Messina qualità della vita e la bellezza dei luoghi; la ricostruzione di un tessuto produttivo solido e di opportunità di buona occupazione.

Se teniamo a riferimento questi due elementi  è evidente che bisogna definire un progetto che ponendo al centro l’Area del porto e quella prospiciente la Zona falcata, ripensi la città e indirizzi lo sviluppo economico e gli investimenti nella direzione individuata. In un periodo nel quale scarseggiano le risorse, diventa importante fare scelte capaci di concentrare gli investimenti senza disperdere risorse in mille rivoli, individuando  obiettivi e  cronologia.

Sino ad oggi, dopo l’exploit elettorale, la nuova amministrazione si è impegnata e ha gestito emergenze e problemi  concreti e urgenti. La condizione generale di impasse nella quale da troppo tempi si trovano la città e il territorio, in crisi sul versante lavoro, sviluppo, riorganizzazione, chiedono però che ora vengano affrontate e adottate scelte nodali per il futuro che scuotano l’economia e l’occupazione, che facciano  crescere la speranza di un cambiamento che abbia effetti concreti sulle condizioni di vita materiali delle persone, avere un progetto complessivo, costruito con gli attori sociali e economici, avendo la pazienza necessaria a superare le resistenze e tessendo le necessarie alleanze.

Quella sul futuro della Zona falcata è una di queste decisioni, scelte che potrebbero davvero cambiare il futuro di questa città e dei suoi abitanti” .