fbpx

Manifestazione di protesta a Vibo Marina dopo il taglio di storici pini

imagesManifestazione di protesta a Vibo Marina dopo il taglio degli storici pini che da oltre 40 anni ornavano il lungomare “Cristoforo Colombo” a ridosso del porto. I lavori, voluti dall’amministrazione comunale che ha ritenuto i pini pericolanti e quindi da abbattere, sono iniziati due giorni fa ed hanno portato al taglio totale di 10 pini su 12 che costituivano il “cuore” della storica pinetina, uno dei simboli di Vibo Marina. Un presidio permanente di cittadini sta impedendo in queste ore il taglio degli ultimi due pini rimasti che, nelle intenzioni del Comune, dovrebbero essere sostituiti da una decina di palme nell’ambito di un progetto di riqualificazione dell’intera area che prevede anche la sostituzione dello spazio verde con una pavimentazione.

L’iniziativa della protesta, che andrà avanti per tutto il pomeriggio sino a sera, parte dal Wwf Calabria ed ha trovato la pronta adesione del Forum delle associazioni vibonesi che considera il taglio della pinetina “un vero e proprio scempio in danno del patrimonio culturale e paesaggistico di Vibo Marina ed anche un modo per il Comune di giustificare i finanziamenti ottenuti per la realizzazione di una pavimentazione a scapito del verde pubblico”. I lavori, in ogni caso, secondo Wwf, associazioni e cittadini, “non sono stati per nulla concordati con la popolazione e verranno utilizzate significative risorse economiche a fronte di una drammatica situazione che vede il Comune di Vibo in stato di dissesto finanziario”.