fbpx

Locri (RC), Rosanna Scopelliti su Caserma Carabinieri “straordinario presidio di legalità”

Rosanna_Scopelliti_Intervista_Candidata_Pdl_01“Oggi lo Stato consegna in tempo record ai cittadini della locride e della Calabria intera uno straordinario presidio di legalità e sicurezza”. Questo quanto dichiarato dall’On. Rosanna Scopelliti, deputata del Popolo della Libertà e componente della Commissione Difesa della Camera, presente oggi alla cerimonia d’inaugurazione della nuova caserma del Gruppo Carabinieri di Locri (RC), istituito nel 2006 dopo il delitto del vicepresidente del Consiglio regionale della Calabria Franco Fortugno.

“I lavori di costruzione di questo complesso – continua la Scopelliti – hanno preso il via nel 2009 e sono stati portati a termine nella primavera di quest’anno”. “Nel nostro Paese non è affatto facile concretizzare un risultato così rapido. Basti pensare, ad esempio – continua la parlamentare calabrese – alla costruzione della nuova caserma dei Carabinieri di San Luca, dove ci sono voluti ben quindici anni per completare i lavori a causa delle molteplici minacce ed attentati incendiari perpetrati sistematicamente contro le varie ditte appaltatrici”.

Riguardo il Gruppo Carabinieri di Locri l’on. Scopelliti afferma: “E’ uno dei 12 comandi Gruppo d’Italia, segno di uno Stato che dopo un efferato delitto politico-mafioso, incardinato in una stagione che ha visto decine e decine di vittime nel comprensorio della Locride, non si limita alle prese d’atto, ma risponde concretamente al territorio fornendo mezzi e strumenti utili a colpire sempre più incisivamente la ‘ndrangheta”. “Un comprensorio – rammenta la deputata – dove lo Stato ha inviato i suoi migliori uomini per il contrasto repressivo e preventivo alla criminalità organizzata, i quali forti anche del crescente sostegno della società civile e soprattutto di giovani e associazioni come ‘Ammazzateci tutti’, hanno messo a segno importanti e gratificanti successi e restituito fondamentali spazi di democrazia e sovranità ai cittadini ed alle Istituzioni democratiche”.

“Non so se sia un caso o meno – continua Rosanna Scopelliti – ma sono felice, da figlia di un magistrato ucciso dalla mafia e da rappresentante delle Istituzioni, che il taglio del nastro di questa nuova prestigiosa struttura avvenga a ridosso del trentunesimo anniversario dalla barbara uccisione di un grande servitore dello Stato, il generale Carlo Alberto dalla Chiesa. E ricordare oggi qui il suo sacrificio – conclude l’On. Scopelliti – alla presenza di molti valorosi uomini e donne dell’Arma dei Carabinieri a partire dal Comandante generale Leonardo Gallitelli, credo sia il miglior modo per augurare a tutta l’Arma buon lavoro e sempre maggiori successi”