fbpx

Gioiosa Marea (Me): sacerdote kenyano arrestato per furto nella chiesa dove prestava servizio

prete4di Graziella Maccarrone – Un sacerdote kenyano è stato arrestato ieri all’aeroporto di Fiumicino con l’accusa di furto, a condurre le indagini i carabinieri di Roma in collaborazione con la compagnia di Patti.

La clamorosa vicenda di furti accade a Gioiosa Marea nella chiesa di San Nicola, dove da tempo si verificavano sparizioni di oggetti preziosi donati dai fedeli  alla Madonna delle Grazie, alla Madonna delle Lacrime ed al patrono San Nicola. Il prete aveva spesso prestato servizio a Gioisa Marea guadagnandosi la fiducia dei parrocchiani, ma le immagini delle telecamere di videosorveglianza installate all’interno della chiesa hanno permesso agli agenti di smascherarlo e di risolvere così il caso.

Secondo le prime ricostruzioni nello scorso aprile il prete è stato filmato mentre cercava di coprire le videocamere, per poi introdursi all’interno del locale dove erano custoditi i preziosi. Circa dieci giorni dopo il furto, il sacerdote aveva fatto rientro a Roma presso la comunità religiosa di cui fa parte, ed aveva effettuato una serie di versamenti in denaro contante presso il proprio conto corrente, concludendo le operazioni con un bonifico internazionale di circa 40 mila euro indirizzato ad un parente del suo paese di origine e lasciando subito dopo l’Italia per fare rientro in Kenya.

Da una perquisizione dell’abitazione del kenyano sono state così scoperte alcune ricevute dei versamenti di denaro contante ed il bonifico effettuato, il bottino ammonterebbe complessivamente a circa 100mila euro.