fbpx

Cosenza, finale regionale di Miss Italia: ieri sera un minuto di silenzio in onore di Tatiana, la giovane uccisa e bruciata a Brancaleone

Miss ItaliaUn minuto di silenzio e’ stato osservato ieri sera a Cosenza nel corso della finale regionale di Miss Italia per ricordare Tatiana, la giovane badante uccisa a Brancaleone ed il cui cadavere e’ stato incendiato. L’iniziativa e’ stata promossa dal leader del Movimento Diritti Civili, Franco Corbelli, per sensibilizzare l’opinione pubblica contro il fenomeno del femminicidio. Al Teatro Rendano di Cosenza, ieri sera, tutte le 50 ragazze finaliste e il numeroso pubblico presente hanno osservato un minuto di silenzio per “ricordare Tatiana e tutte le donne vittime di violenza”. All’inizio della manifestazione, invitato dal responsabile regionale di Miss Italia Calabria e presentatore della serata finale, Dante Zardi, sul palco e’ salito Franco Corbelli, che ha spiegato i motivi di questa iniziativa del Movimento Diritti Civili. “Dalla civilissima citta’ di Cosenza e dalla Calabria – ha detto – vogliamo mandare in un contesto particolare e significativo, quello che esalta e premia oltre alla bellezza, la forza, il carattere delle ragazze e delle donne, qual e’ il concorso Miss Italia, un segnale forte contro la violenza alle donne e per ricordare l’ultima vittima di questa ferocia di uomini mostri, la giovane ucraina, Tatiana”.