fbpx

Consiglio Regionale della Calabria, conclusi i lavori della 4^ commissione

regione-calabria-logoLa quarta Commissione consiliare,”Assetto, utilizzazione del territorio e  protezione dell’Ambiente”, presieduta da Gianluca Gallo, nel corso dei lavori odierni ha votato all’unanimità una proposta di provvedimento amministrativo con cui si chiede al Parlamento nazionale la modifica degli articoli 5 e 6 della legge 9/1991 riguardante il Piano energetico nazionale e dell’art. 35 del Decreto Legge 83/2012 (così detto ‘decreto Passera’), concernente le prospezioni e la ricerca di idrocarburi.

“Negli ultimi anni – sottolinea Gallo nella sua relazione – diverse società petrolifere hanno richiesto al ministero dell’Ambiente autorizzazioni per prospezioni geosismiche  per l’estrazione di idrocarburi nei mari italiani ed in particolare in quella parte di mare Ionio che dal Golfo di Taranto giunge alle coste calabresi. La nostra proposta di legge al Parlamento, frutto di un intenso confronto con i soggetti istituzionali del territorio – afferma Gianluca Gallo – intende manifestare la sua contrarietà alla possibilità di dare avvio alle procedure autorizzative delle trivellazioni in mare introdotte dal ‘Decreto Passera’. Com’è noto – prosegue Gallo – il rilascio dei provvedimenti concessori ed autorizzatori in questione riguarda materie di competenza concorrente il che implica necessariamente la cooperazione istituzionale attraverso lo strumento dell’intesa. La nostra proposta mira dunque, in via preventiva e necessaria, al raggiungimento di una intesa con la Regione interessata territorialmente per il rilascio dei permessi necessari alla ricerca di idrocarburi”.

Su questo argomento, la quarta Commissione, per dare massima diffusione pubblica all’iniziativa, terrà una conferenza stampa alle ore 12,00 di venerdì 6 settembre a Palazzo Campanella.  

Nel corso della seduta, l’organismo, sulla proposta di legge di iniziativa della Giunta regionale  in materia di riordino del servizio di gestione dei rifiuti urbani, ha audito l’assessore all’Ambiente Francesco Pugliano, il presidente dell’Anci regionale, Giuseppe Vallone, l’assessore alla Provincia di Cosenza, Giuseppe Aieta,  e la dirigente del servizio Ambiente della Provincia di Catanzaro, Serinuccia Procopio.

“Sono grato ai colleghi della Commissione, all’assessore Pugliano ed ai rappresentanti degli enti locali per l’efficace apporto fornito su una questione, quale quella dello spazzamento, della raccolta, del trattamento e dello smaltimento dei rifiuti solidi urbani. La Calabria sconta purtroppo – dice Gianluca Gallo – ritardi che vanno necessariamente recuperati con spirito ed approcci assolutamente condivisi. Per tali motivi ho deciso di recapitare a tutti i consiglieri regionali, alla Giunta ed al dipartimento Ambiente il materiale raccolto nel corso di tutte le audizioni con l’intento di evitare esperienze negative come, ad esempio, lo strumento delle società miste, alcune delle quali sciolte per infiltrazioni della criminalità organizzata. Entro quindici giorni è mia intenzione riconvocare la Commissione per dare finalmente corso all’esame di merito dell’articolato con le proposte di integrazione e gli eventuali emendamenti”.

Infine, il presidente Gianluca Gallo, in ordine alla ventilata intenzione da parte della società A2A di svuotare i laghi silani per progetti di produzione di energia elettrica, ha reso noto “l’indirizzo negativo della Giunta regionale”, preannunciato dall’assessore Pugliano, per approfondire compiutamente la vicenda.

Ai lavori hanno dato il loro contributo i consiglieri Giordano, Franchino, Tripodi, Orsomarso, Magno, Scalzo, Domenico Talarico e Guagliardi.