fbpx

Calabria, Giordano: tutelare gli ex lavoratori impegnati nel progetto Patto Calabria Sicura

Giuseppe-Giordano6Su sollecitazione e proposta del consigliere regionale Giuseppe Giordano il Consiglio regionale all’unanimità nella ultima seduta ha votato una mozione  con la quale si chiede un immediato ed urgente intervento del governo regionale per compiere gli atti necessari a tutela dei lavoratori già impegnati presso gli Uffici giudiziari della provincia di Catanzaro e di Reggio Calabria nell’ambito della convenzione Patto Calabria Sicura stipulata nell’anno 2007 con il Ministero dell’Interno. La mozione approvata, sottolinea Giordano, fa riferimento ad una convenzione sottoscritta nell’anno 2007 fra il Ministero dell’Interno, la Regione Calabria e le province di Reggio Calabria e di Catanzaro denominata “Patto Calabria Sicura”. Fra i vari interventi nascenti dalla convenzione , ricorda il consigliere regionale,era previsto, per le esigenze di supporto funzionale degli uffici giudiziari di Catanzaro e Reggio Calabria, l’utilizzazione di personale e in tale direzione venivano assunti con contratti interinali ben 120 unità che nel corso dell’esperienza maturata all’interno degli Uffici giudiziari hanno acquisito competenze specifiche e fondamentali per l’ottimizzazione del servizio, sopperendo alla carenza di personale nelle Procure e nei Tribunali delle due province.

Il progetto, per mancanza di rifinanziamento, è venuto meno rivelandosi utile, però, nel formare gli operatori nell’ambito del Processo di digitalizzazione informativa dei fascicoli. Tuttavia, denuncia Giordano, gli operatori sono rimasti fuori dai progetti formativi per l’anno 2013 “posto che , come recita una nota ministeriale, tale fattispecie esula dalla previsione(…)” della legge di stabilità, “(…) ove si fa riferimento esclusivamente al completamento del percorso formativo per coloro che abbiano partecipato a progetti formativi provinciali o regionali”. Interrompere tale  percorso formativo , secondo l’esponente regionale,  significherebbe far venire meno un valido supporto agli uffici giudiziari in un settore, quale quello della digitalizzazione, nevralgico per il buon funzionamento del sistema giudiziario.

Per tali motivi la mozione approvata dal consiglio regionale  impegna il governo regionale a farsi promotrice delle necessarie iniziative istituzionali affinché i Ministeri dell’Interno e della Giustizia possano farsi carico di individuare soluzioni idonee a salvaguardare e riutilizzare delle professionalità, che, come già rilevato dai dirigenti degli Uffici Giudiziari, rappresentano un valido supporto per il funzionamento del sistema giustizia della Calabria.