Sgarbi su ex-commissario Niscemi Falco: “operò con miopia e menzogna, speriamo non lo faccia anche a Trapani”

vittorio-sgarbiIn riferimento alle dichiarazioni rilasciate da Leopoldo Falcoa causa di una pessima gestione amministrativa il Comune di Salemi era sull’orlo del dissesto»), uno dei tre commissari straordinari nominati dopo lo scioglimento per «infiltrazioni esterne» e da pochi giorni nominato Prefetto a Trapani, Vittorio Sgarbi replica:

Mi auguro che tale Falco non eserciti le funzioni di Prefetto a Trapani con la stessa miopia e menzogna con cui ha operato a Salemi.

Incapace di comprendere, con i suoi evidenti limiti culturali, Falco ha ricondotto Salemi all’arretratezza e al sottosviluppo dei tempi inerti dei cugini Salvo, rinnegando il documentatissimo processo di avanzamento culturale che aveva portato Salemi all’attenzione del mondo.  Oggi Salemi è una città deserta e abbandonata.

Di Falco Salemi si ricorderà per la chiusura del Museo del Paesaggio, l’abbandono del Museo della Mafia,  ma soprattutto per il suo stipendio e i suoi rimborsi di circa 20 mila euro al mese, oltre alla nomina di numerosi consulenti pagati 4 mila euro al mese. Tutte spese iscritte, fino ad oggi, al bilancio del Comune. Forse che voleva contribuire anche Falco al presunto dissesto?