Serie B, Reggina-Bari 0-0: palo e traversa fermano gli amaranto

RegginaFinisce con un pareggio a reti inviolate l’anticipo della prima giornata di campionato tra Reggina e Bari.
L’inizio della gara è stato preceduto dalla cerimonia di giuramento di lealtà sportiva da parte del capitano della  Reggina, Antonino Barilla, conclusosi sulle note dell’Inno di Mameli suonato dai “Tamburi del Sud”. Nella splendida cornice di pubblica, sono 20.000 gli spettatori presenti al Granillo, la Reggina si rende subito pericolosa, ma l’arbitro ferma Louzada davanti la porta per un fallo su Chiosa. Atzori butta nella mischia dal primo minuto il centrocampista Rigoni, invece solo panchina per l’ex milanista Strasser. Una Reggina intraprendente ha il pallino del gioco, i pericoli per la difesa avversaria arrivano dalla sinistra dove capitan Barillà e Louzada fanno il bello e cattivo tempo.
Immagine0712° uomo in campo – Il Granillo è tornato ad essere la bolgia di un tempo, la Curva sud il dodicesimo uomo in campo, incita i proprio beniamini che al 20° si rendono pericolosi con un tiro in diagonale di Fischnaller. Bari chiuso nella propria metà campo che si vede solo al minuto 35 con un tiro innocuo di capitan Defendi.
Doppia occasione Bari – Galano pericoloso al 40° con un tiro da dentro l’aria deviato in calcio d’angolo da Lucioni, un minuto dopo è Sciaudone ad impensierire Benassi

L’unico spettacolo al quale hanno assistito gli spettatori presenti è quello pre-partita, brutta prima frazione di gioco, con poche trame di gioco da una parte e dall’altra.

rigoni_ipsaLa ripresa parte sulla falsa riga del primo tempo con una Reggina arrembante col suo giocatore migliore Louzada che semina il panico sulla fascia sinistra superando gli avversari palla al piede partendo dalla propria meta campo. Bari vicino al gol al 55° con Sabelli che da notevole distanza impegna l’estremo difensore amaranto
CAMBI – Al 57° Strasser e Di Michele per uno spento Fischnaller e Rigoni, nel Bari dentro Marotta fuori Galano.
DI MICHELE – L’entrata in campo del numero 10, ravviva il gioco della Reggina che si rende pericolosa in ben due occasioni, clamorosa la palla non concretizzata sull’ottimo cross del solito Louzada che qualche minuto dopo si procura un calcio di punzione che viene battuto dallo stesso Di Michele che da posizione defilata colpisce l’incrocio dei pali alla destra di Guarna.  Il Granillo balza in piedi al 66° reclamando  un calcio di rigore su Da Silva, rigore che a nostro avviso non c’era
LOUZADA – Il più pericoloso, al minuto 75° insemina il panico nella difesa barese, cade a terra per un contrasto, l’arbitro Merchiori lo ammonisce per simulazione. Qualche minuto dopo lascia il posto a Cocco.
Tremano i tifosi del Bari quando Gerardi coglie in pieno la traversa in seguito ad un calcio d’angolo. Reggina in superiorità numerica ad un minuto dalla fine per l’espulsione di Defendi per doppia ammonizione, sulla susseguente punizione il tiro di Di Michele viene neutralizzato da Guarna
ULTIMO SECONDO – Gerardi potrebbe regalare i tre punti alla Reggina, ma a pochi passi dalla linea di porta, fa un passeggio al portiere

Reggina – Bari 0 – 0
Reggina: Benassi, Ipsa, Lucioni, Adejo; Barillà, De Rose, Rigoni (57° Strasser), Da Silva; Fischnaller (57° Di Michele), Louzada (76° Cocco); Gerardi All. Atzori
Bari: Guarna, Sabelli (83° Romizzi), Chiosa, De Falco, Albadoro (92° Vosnakidis), Sciaudone, Galano (57° Marotta), Samnik, Ceppitelli, Defendi,Calderoni All. Alberti
Spettatori: 11.236 + 3477 abbonati = 14.713 totali, per un incasso di € 108.160
Ammoniti: Gerardi, Defendi, Barillà, Louzada, Marotta.
Espulso: Defendi (doppia ammonizione).
Recupero: 0 pt, 3st.