fbpx

Reggio: piazza De Nava ritrova decoro, oggi con ministro Bray riapre il Museo (FOTO)

/

1000002_513527625402072_1852172266_nGrande attesa a Reggio Calabria per la riapertura, per adesso parziale, del Museo Archeologico Nazionale con l’inaugurazione, oggi pomeriggio alle ore 19:00, della mostra “Arte torna arte, un patrimonio restituito”. Alla cerimonia inaugurale parteciperà il ministro Massimo Bray che aprirà le porte del Museo dopo più di 4 anni di lavori, consentendo finalmente ai cittadini di fruire di quasi cento opere presso i locali del Museo della Magna Grecia. Già da stamattina presto si lavora per restituire decoro a piazza De Nava, dove sono state ripulite le vasche della fontana ed è stata ripristinata l’illuminazione pubblica. “Ci auguriamo che i soliti ignoti incivili non vanifichino tutto” hanno dichiarato l’assessore Lamberti e il dirigente Quartuccio.

1098503_513527498735418_231497075_nLa mostra che nasce sotto il segno di una ispirata collaborazione tra l’Amministrazione Provinciale di Reggio Calabria e il Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo. Nello specifico l’evento è promosso e finanziato dall’Assessorato alle Politiche e Pianificazione Culturale, Beni Culturali e Difesa della Legalità e dall’assessore Eduardo Lamberti Castronuovo, che l’ha fortemente voluta e propugnata, unitamente al Presidente Dr. Giuseppe Raffa, ma si avvale del tramite e della supervisione della Direzione Regionale per i Beni culturali e Paesaggistici della Calabria guidata da Francesco Prosperetti, nonché delle Soprintendenze calabresi per i Beni Storici, Artistici ed Etnoantropologici e per i Beni Archeologici, dirette rispettivamente da Fabio De Chirico e Simonetta Bonomi, che hanno ritenuto necessario lavorare sinergicamente al fine di presentare al pubblico le opere che, a partire da sabato 3 agosto 2013 e fino al 30 novembre prossimo, saranno esposte nelle sale del Museo Archeologico Nazionale di Reggio Calabria.

1003741_513528375401997_273171351_nLa mostra è frutto di una lungimirante cooperazione che ha visto impegnati i diversi Enti, compresi la Procura della Repubblica e il Tribunale di Reggio Calabria, nell’intento di restituire dignità alla collezione sequestrata nel 2010 dalla Guardia di Finanza del Comando Provinciale di Reggio Calabria al boss reggino Gioacchino Campolo, permettendo alla collettività di ammirare un corpus di opere che, spaziando dal XVI al XX secolo, cela alcuni veri e propri capolavori dell’arte italiana. Se pure la maggior parte della raccolta si denota come la classica collezione medio borghese, che intervalla opere della devozione popolare ad artisti noti ai frequentatori di aste quali Annigoni, Ligabue e Purificato, la presenza di nomi del calibro di Fontana e Bonalumi permette un salto qualitativo notevole che si risolve, all’interno dell’allestimento, per una divisione in periodi, tecniche (diverse le opere grafiche) e capolavori, che concludono il percorso espositivo, il cui progetto scientifico è curato da Fabio De Chirico, che unitamente agli uffici tecnici della Soprintendenza BSAE della Calabria ha svolto indagini e ricerche, per giungere ad una valutazione storica e artistica dell’intera collezione.

Le foto gentilmente concesse da Lorenzo Mazzitelli: