fbpx

Reggio Calabria, conclusa la Festa del mare Mediterraneo 2013 con il premio de Caridi

18451700Il premio letterario “L’uomo, Il Mare” dedicato al magistrato Domenico De Caridi conclude gli eventi della Festa del Mare. La V edizione del concorso, organizzato dal circolo Posidonia in collaborazione con il Rhegium Julii e riservato ad opere di narrativa o saggistica, ha visto trionfare il sociologo di origine algerina, Khaled Fouad Allam, per il libro “la solitudine dell’occidente” edito da Rizzoli. Un’opera dalla quale emerge il desiderio e il malessere che legano l’Islam all’Occidente nel racconto di vita di un musulmano in Italia. Allo scrittore algerino, da molti anni nel nostro Paese, un riconoscimento per aver costruito processi di pacificazione tra il mondo della società islamica e quella occidentale, diffondendo i temi dell’identità multipla, della cultura e della conoscenza. “Un punto di vista privilegiato, determinante nel processo di integrazione attraverso al parola”, sottolinea il Presidente del Reghium Julli, Giuseppe Casile. A consegnare il premio il figlio del compianto magistrato, Aldo De Caridi.

Conclusa la fase del premio,  la serata, moderata dal giornalista Tonino Raffa,  è proseguita con il dibattito “Innovazione, informazione e comunicazione per il co-sviluppo dell’area del Mediterraneo”. Proprio il “Mare Nostrum” è stato al centro della Festa del Mare 2013,  esplorato attraverso i suoi aspetti culturali, artistici, musicali, culinari e sportivi. Un’edizione che visto la preziosa collaborazione di Unimed e Youthmed, e la presenza di 100 studenti provenienti da 30 università del Mediterraneo. Sul tema della comunicazione Khaled Foud Allam ha dichiarato, “Il mondo sta cambiando attraverso il processo di internet. Il web accorcia le distanze, ma non cancella la temporalità culturale. La novità risiede nel fatto che, persone diverse in luoghi diversi comunicano”, ed  aggiunge “E’ necessaria una governance capace di gestire il sistema”.
In tema di comunicazione partecipata, la serata a più voci, ha visto l’idea di un giornale on-line del Mediterraneo e la presentazione del portale reggiometropolitana.it. Uno strumento come ricordato da Josephine Condemi, rappresentante delle associazioni di cittadinanza attiva, che si ispira al concetto di smart city proiettato a recuperare la dimensione umana della partecipazione e dell’ascolto.

Il mondo della comunicazione non può sottrarsi al tema della formazione. Su questo aspetto Giuseppe Bova, presidente comitato locale società “Dante Alighieri”, ha rilanciato ancora una volta dalla festa del mare, l’idea di un master di secondo livello per giornalisti dell’area del Mediterraneo.
La rivoluzione dei social network è stata evidenziata da Domenico Rositano, presidente dell’associazione Calabresi Creativi. Associazione nata su twitter che si pone l’obiettivo di promuovere la cultura e l’identità  attraverso gli strumenti del web 2.0. A concludere la serata il Presidente del Comitato organizzatore della Festa del mare, Paolo Romeo.
Nella prima parte della giornata la kermesse a tinte blu a fatto tappa ha fatto tappa a Scilla per la presentazione del GAC dello Stretto. Un’associazione che comprende 7 comuni ricadenti nell’area costiera del basso tirreno reggino e dello Stretto: Villa San Giovanni, Scilla, Bagnara Calabria, Seminara, Palmi, Gioia Tauro e San Ferdinando. Il Gruppo di Azione costiera è nato con l’obiettivo di valorizzare le zone costiere, creando nuove opportunità nel settore della pesca e migliorando il livello socio-economico delle imprese. Un progetto nel quale la Regione Calabria  crede molto cosi come testimoniato dalla presenza dell’assessore all’agricoltura, Michele Trematerra e del consigliere, Giuseppe Giordano. Partecipazione istituzionale avvalorata anche dal comparto tecnico regionale: il dirigente generale all’agricoltura foreste e forestazione, Giuseppe Zimbalatti, il dirigente, Cosimo Caridi, il responsabile Misura asse 4 –FEP,  Francesco Pirrò,
Ad introdurre la descrizione del  GAC, il presidente, Antonio Alvaro ed il direttore Fortunato Cozzupoli. Essere GAC significa agire insieme, elaborare strategie di sviluppo, attuare piani d’intervento, creare una rete di soggetti con l’obiettivo di valorizzare il rilancio del territorio costiero, in tutti i suoi aspetti: turistici, della pesca, enogastronomici e produttivi. Presenti anche l’assessore del comune di Scilla Santo Perina, il responsabile lega pesca Calabria, Salvatore Martilotti ed il Presidente Youthmed, Loredana Rubeis.

Sport protagonista della mattinata con l’antica giostra marinara “ntinna a mari”.  In serata spazio agli eventi espositivi con il villaggio degli antichi mestieri ed il villaggio degli artigiani; la collettiva d’arte figurativa, la mostra estemporanea di pittura, la mostra del concorso fotografico e le performance live degli studenti dell’accademia di Belle Arti di Reggio Calabria con il body painting.