Reggina, Atzori: “a Lanciano non sarà facile, proveremo a imporre il nostro gioco”

atzoriSi è svolta presso la sala stampa dell’Oreste Granillo, la conferenza stampa di mister Atzori prima della partenza verso Lanciano dove sabato gli amaranto incontreranno la Virtus Lanciano sabato sera per la seconda partita del campionato di serie B. Di seguito i punti salienti dell’incontro con i giornalisti.

“CASO” MAZA – “Dopo le visite di routine effettuate a Reggio, è stato mandato dal nostro staff tecnico a Villa Stuart da Mariani per una visita approfondita, il nostro staff medico è molto meticoloso. Per la Reggina il giocatore è ok, ma si è ritenuto opportuno fare questi ulteriori controlli“, ha dichiarato il mister.

FORMAZIONE – La stessa formazione del secondo tempo contro il Bari ci può stare, dove la squadra ha espresso tutte le potenzialità. Sarà una Reggina che avrà sempre lo stesso spirito, che proverà ad imporre il proprio gioco. Questa rosa ha ampi margini di miglioramento, prepariamo la gara, il Lanciano è un team agguerrito, ha avuto tante possibilità per vincere contro il Brescia e non sarà una gara facile. Grande intensità dai ragazzi, questo é quello che voglio, devono dare il massimo, chi vuole il posto in prima squadra deve dimostrarlo in allenamento che incide tantissimo. C’è la possibilità che la squadra possa cambiare modulo in base a come giocano gli avversari. Il loro punto di forza è la grinta, non demordano mai, noi dobbiamo metterla anche di più sulla grinta diventa un duello dove vincerà quello che andrà più forte“.

STRASSER –Ha personalità, ottimo acquisto per la squadra, ci darà molto più qualità in mezzo al campo“.

DI MICHELE – C’è la possibilità che Davide parta dal primo minuto come è possibile che vada in panca, è un’idea ho ancora qualche dubbio sulla formazione“.

COLUCCI – “Ha goduto di un ottima preparazione, la sua condizione sta migliorando“.

CABALLERO – “Ha svolto un ruolo non suo, gli ho dato due possibilità. È stato preso per fare l’esterno e non il trequartista“.

COCCO – “Mi ha impressionato negli ultimi allenamenti, vedo in lui lo spirito del guerriero, lo spirito della persona umile che dovrà lottare per giocare“.