Muos, attivisti salgono su antenne in base Usa a Niscemi

imagesOtto attivisti ”No Muos” sono saliti su quattro delle 46 antenne del sistema di radiocomunicazioni della base americana di contrada Ulmo, a Niscemi. La zona e’ presidiata dalle forze dell’ordine che stanno tentando di convincere i manifestanti a porre fine alla protesta. Uno dei no muos sulle antenne e’ Turi Vaccaro il pacifista tornato in liberta’ su ordine del gip dopo l’arresto dello scorso 10 luglio per violenza e resistenza a pubblico ufficiale e danneggiamento aggravato. Nel corso delle celebrazioni per il settantesimo anniversario dello sbarco alleato a Gela avrebbe tentato – secondo l’accusa – di bloccare una parata militare e avrebbe aggredito due poliziotti. Gli otto manifestanti dopo aver scavalcato la recinzione sono riusciti ad eludere i controlli di sicurezza e ad arrampicarsi. Domani pomeriggio, alle 16,30 e’ prevista la manifestazione, che si annuncia affollata, organizzata a Niscemi(Cl) per dire ”no” al Muos il grande impianto satellitare militare Usa in fase di realizzazione nel comune siciliano. Sono numerose le adesioni alla manifestazione anche di partiti e comuni (Pdci, comune Palermo, Prc, Idv, Libera Sicilia, Cobas, tra gli altri) dopo che il presidente della regione Rosario Crocetta ha deciso di non opporsi alla realizzazione dell’impianto visto il parere favorevole dato dall’Istituto superiore di sanita’. La manifestazione e’ stata organizzata per il 9 agosto perche’ e’ la data dell’anniversario della bomba atomica sganciata su Nagasaki.