Mozzarella blu, nuovo caso a Torino. Indagato produttore di Reggio Calabria

images Un nuovo caso di ”mozzarella blu”, a Torino, e’ al vaglio della procura e dei carabinieri del Nas. A denunciarlo e’ stata una donna che, alla fine dello scorso giugno, ha riferito che la treccia del formaggio acquistata nel supermercato Carrefour di Grugliasco (Torino) aveva assunto delle striature bluastre. La signora si e’ rivolta ai militari e anche al Codacons. Dopo i primi accertamenti il pm Raffaele Guariniello ha iscritto nel registro degli indagati il nome del responsabile della ditta produttrice, un’azienda casearia della provincia di Reggio Calabria. Si procede per la violazione della legge del 1962 sugli alimenti. Dai controlli dei Nas, effettuati su un altro lotto di mozzarelle (peraltro gia’ ritirato dalla distribuzione per iniziativa dello stesso Carrefour), e’ emersa la presenza dello pseudomonas fluorescens, il batterio considerato responsabile della colorazione: anche se non ci fossero rischi per la salute, resterebbe aperta l’ipotesi di alterazione dei cibi.