Monasterace (RC): l’ex sindaco antimafia Maria Carmela Lanzetta indagata per abuso d’ufficio

lanzettaL’ex sindaco antimafia di Monasterace, Maria Carmela Lanzetta, vittima di numerose intimidazioni quando era in carica, sarebbe indagata dalla Procura della Repubblica di Locri per abuso d’ufficio insieme all’ex capo dell’ufficio tecnico comunale Vito Micelotta, coinvolto anche nell’inchiesta ‘Village’ della Dda di Reggio Calabria. L’inchiesta si riferisce ad un appalto per l’acquisto di pali dell’illuminazione pubblica che sarebbe stata fatta con una trattativa privata invece con un appalto pubblico. Dell’iscrizione nel registro degli indagati, di cui parla L’Ora della Calabria, Maria Carmela Lanzetta non ha avuto alcuna notizia. “Non ho ricevuto niente”, ha detto all’Ansa il sindaco dimessosi nel luglio scorso a causa del voto contrario di un assessore in merito alla costituzione di parte civile contro alcuni indagati in un procedimento penale a carico di un dipendente comunale accusato di concorso esterno in associazione mafiosa. Nell’aprile del 2012, Maria Carmela Lanzetta aveva gia’ annunciato le dimissioni dopo che tre colpi di pistola calibro 7.65 furono sparati contro la sua auto. In precedenza, tra le tante minacce ricevute per il suo impegno in favore della legalita’, al sindaco era stata incendiata la sua farmacia. Allora, per incontrare il sindaco ed invitarla, peraltro con successo, a ritirare le dimissioni, era venuto il segretario del Pd dell’epoca Pier Luigi Bersani. “Nel periodo della mia seconda amministrazione – ha detto oggi Lanzetta – i gruppi di minoranza hanno fatto varie denunce alla Procura su alcuni lavori. Puo’ darsi ci sia stato un approfondimento. Aspetto di vedere cosa accade. Per sette anni e mezzo ho cercato il rispetto delle regole e di lavorare tanto e bene. Puo’ darsi che qualcosa mi sia sfuggito nelle modalita’ di comportamento dell’ufficio tecnico. Come sindaco e Giunta abbiamo solo approvato il progetto. Altri passi l’amministrazione non ne ha fatti. Poi e’ passato all’ufficio tecnico che doveva eseguire secondo le regole. Molti appalti li ho seguiti direttamente e non credo di avere una responsabilita’ diretta. Sono certa di cio’ che ho fatto e di cio’ che non ho fatto. E nella vicenda sono certa di non avere fatto nulla. Ricordo che furono approvati due progetti uno piu’ ricco ed uno piu’ contenuto che fu quello che e’ andato avanti. In quel periodo, il 2009-2010, c’erano molti bandi e non tutti li ho curati passo passo”. Maria Carmela Lanzetta, che vive sotto scorta, non ha comunque intenzione di mollare nel suo impegno. “L’impegno – ha detto – resta invariato. Negli ultimi tre giorni sono stata con ragazzi di Legambiente venuti da tutta Italia a pulire le spiagge di Monasterace. Anche se non sono piu’ sindaco il mio impegno e’ immutato, ho solo lasciato un incarico. Da ora in poi mi preoccupero’ della cura e della salvaguardia dei beni culturali”.