Messina, sequestrati beni all’imprenditore Filippo Denaro per bancarotta fraudolenta

guardia_finanzaSu richiesta del sostituto procuratore Fabrizio Monaco, il gip Salvatore Mastroeni ha disposto il sequestro dei beni del noto imprenditore messinese Filippo Denaro. L’inchiesta si basa sulla mancata vendita di una villa a Faro Superiore. Tale operazione, secondo l’accusa, avrebbe causato la distrazione di beni appartenenti alla  “Grasso Filippo & figlio srl”. Ciò avvenne in un regime di concordato preventivo, dichiarato ufficialmente dal tribunale il 9 maggio del 2012. La Guardia di Finanza ha avviato le indagini su segnalazione del tribunale che sta gestendo il concordato preventivo.