Messina, l’Amam vuole compiere 30 assunzioni. Accorinti non ci sta: “Troppi gli oneri finanziari”

accorinti-renato-L’Amam, una delle società partecipate del comune di Messina, ha pubblicato un  bando di mobilità regionale sulla Gazzetta ufficiale della Regione Siciliana del 26 luglio. La società sarebbe alla ricerca di 30 figure professionali da assumere: un dirigente amministrativo, un dirigente tecnico, un avvocato appartenente ad uno staff di avvocatura comunale o un funzionario con laurea in Giurisprudenza, due laureati in Ingegneria settimo o ottavo livello funzionale, tre ragionieri sesto o settimo livello, quattro geometri o periti sesto o settimo livello, quattro diplomati per compiti amministrativi quinto o sesto livello, quattordici operai terzo o quarto livello. Il sindaco Renato Accorinti, però, dice no. Infatti,  la  procedura della mobilità regionale comporterebbe un incremento della spesa di circa un milione e mezzo di euro. Cifra eccessiva secondo il primo cittadino e il segretario generale Santi Alligo, che hanno inviato una nota ad Alessandro Anastasi, presidente Amam. Il procedimento, insomma, non s’ha da fare, poichè accrescerebbe gli oneri finanziari dovuti all’assunzione delle nuove figure professionali.