Inps, Mastrapasqua: “Abolire 30mila enti e salvare gli statali”

images”In Italia ci sono 30mila enti dichiarati inutili, forse e’ li’ che si dovrebbero cercare i risparmi”. Cosi’, intervistato dal Messaggero, il presidente dell’Inps Antonio Mastrapasqua interviene sull’idea di prepensionare fino a 200 mila dipendenti pubblici. ”Se questa sara’ la volonta’ del governo – spiega -, l’Inps si muovera’ di conseguenza. Personalmente non credo nei tagli lineari, sono invece un fautore della vera spending review”. Mastrapasqua osserva che ”non e’ dell’Italia il record di dipendenti pubblici. Francia e Germania ne hanno piu’ di noi – afferma -, e non solo nel settore previdenza e assistenza”. ”Il punto e’ che probabilmente questi lavoratori li abbiamo spesso impiegati in amministrazioni non sempre utili e non sempre efficienti”. Sulla riforma Fornero e’ ”giusto” parlare ”di manutenzione intelligente, non di stravolgimento. Del resto – spiega -, la riforma stessa prevedeva l’apertura di un tavolo di monitoraggio. Ed e’ in questo quadro che va inserito il problema esodati. Il ministro Giovannini ha gia’ comunicato al Parlamento che a settembre se ne riparlera’. Credo che un confronto con i sindacati sarebbe utile”. Quanto al welfare, ”premesso che l’Italia non spende piu’ della media Ue”, ”il problema e’ come spende. Prima di parlare di tagli bisognerebbe valutare come riallocare la spesa. Per esempio, si spende troppo poco per le politiche attive per il lavoro. Naturalmente e’ anche un problema di efficienza dei centri per l’impiego, che in Italia intermediano poco piu’ del 3% dell’occupazione contro il 10% della Germania, il 30% del Regno Unito e il 41% della Svezia”.