fbpx

A Santo Stefano in Aspromonte batte il cuore e pulsa il sangue all’insegna del Real Santo Stefano

real S.StefanoSabato 24 agosto 2013 nella suggestiva cornice della Piazza del ridente centro aspromontano si è svolta una significativa cerimonia organizzata dall’Amministrazione Comunale, dalla Pro loco e dalla sezione stefanita  dell’Adspem “Natalia e Giuseppe”. Batte il cuore e pulsa il sangue, dunque, in una serata all’insegna dell’allegria nel clima festoso e vacanziero, che vede in paese residenti e non per una partecipazione scanzonata e spensierata, prima di far ritorno alle pratiche del quotidiano.

Batte il cuore e pulsa il sangue di coloro, e sono tanti, che si cimentano in un karaoke cantato senza badare troppo alle regole del bel canto ma non per questo meno gradito, anzi…

realBatte il cuore e pulsa il sangue anche e soprattutto quando si festeggia la squadra di calcio del Real S. Stefano, che quest’anno ha vinto la Coppa Disciplina messa in palio dalla Federazione Italiana Giuoco Calcio e per questo ha  ricevuto in dono un defibrillatore, come riconoscimento del comportamento  tenuto in campo da giocatori  e allenatore, e fuori dal campo dai dirigenti la società. Un attestato molto importante quello ricevuto dalla giovane squadra se si tiene conto che il Giornale on-line Reggionelpallone, ha ritenuto meritevole  dello strumento importante qual è il defibrillatore  offerto dalla stessa testata  alla squadra risultata vincitrice della speciale classifica.

Batte il cuore e pulsa il sangue sul campo, dove i giovani campioni si impegnano con passione e sana rabbia per affermare la propria compagine; e batte il cuore e pulsa il sangue anche fuori dal campo perché buona parte di giocatori e dirigenti sono donatori  Adspem del prezioso liquido.  Esempio, dunque, di impegno a trecentosessanta gradi quello profuso dal REAL SANTO STEFANO, che tiene alto il nome del paese, nel solco della migliore tradizione storica, ricca di personaggi e avvenimenti importanti nella storia sin dai tempi antichissimi.

E’ importante ricordare che fare sport dalle nostre parti non è cosa facile, in quanto ci si deve confrontare con enormi difficoltà logistiche e burocratiche, con un lavoro di abnegazione e fatica che deve essere sempre onorato e non può e non deve essere sminuito dai risultati del campo.

Meritano dunque  una menzione personale tutti quelli che  si sono impegnati in questo senso, ai quali va un grazie di cuore per tutto quello che hanno fatto senza mai  risparmiarsi.